Acd Calcio Magione: “Stella dello sport magionese 2020”

108

La squadra ha vinto il campionato di Prima categoria 2019/2020 salendo nel campionato di Promozione. Nel 2024 festeggerà i 100 anni dalla costituzione

Consegnata all’Acd Calcio Magione, squadra vincitrice del campionato di Prima categoria 2019/2020 con conseguente passaggio nel campionato di Promozione, la targa “Stella dello sport magionese 2020” istituita dall’assessorato allo sport del Comune di Magione per portare a conoscenza del territorio comunale personaggi che si sono distinti nelle diverse discipline sportive.

Sono stati il sindaco Giacomo Chiodini e il vicesindaco con delega allo sport Massimo Lagetti, che ha voluto l’istituzione di questo riconoscimento, a consegnare la targa al presidente dell’associazione sportiva, Alvaro Rugelli, e all’allenatore, mister Maurizio Valentini.

Al conferimento della targa erano presenti tutti i componenti della squadra e gli assessori comunali.

“Una vittoria certo inconsueta – ha commentato il presidente Alvaro Rugelli – perché l’emergenza Covid ha bloccato tutti i campionati sportivi premiando o penalizzato ma, soprattutto, non ci ha permesso di vivere come squadra la vittoria. Non ho potuto neanche salutare i miei calciatori e questo è stato l’aspetto più triste”.

Nel parlare del futuro della squadra Rugelli fa sapere che molti dei calciatori sono nuovi.

“Abbiamo puntato sui giovani e questo forse un po’ ci penalizzerà ma noi crediamo in queste nuove leve anche se sarà un percorso più difficoltoso”.

Nel 2024 l’associazione festeggerà i cento anni dalla costituzione.

“Come amministrazione – ha fatto sapere Massimo Lagetti – oltre a complimentarci per questo bel risultato, voglio ricordare che proseguono gli interventi per il miglioramento delle strutture sportive tra cui la realizzazione del campo in sintetico di Magione. Ma tutta l’area dove si trova il campo sportivo e il palazzetto dello sport è oggetto, da parte dell’ufficio lavori pubblici, di un progetto di riqualificazione per rendere più sicura e fruibile l’intera area sportiva”.