Coppa Italia: Sir in finale, una grande Piacenza si arrende

203

Perugia doma i lupi emiliani in quattro lunghi set. Ora la finale

 

La Sir Safety Conad Perugia deve tirare fuori il meglio di sé stessa per avere la meglio di una combattiva Piacenza e accedere così alla finale di Del Monte Coppa Italia di domenica 6 marzo.

Gli uomini di Grbic riescono a spuntarla dopo quattro lunghi set in cui, per ampi tratti, Piacenza ha dato la sensazione di poter mettere in grossa difficoltà la ricezione e l’attacco di Perugia.

Ma quando i campioni della Sir salgono i cattedra c’è poco da fare. Le grandi prestazioni di Recine jr, Stern e Brizard servono agli emiliani solo per uscire con l’onore delle armi.

CRONACA

C’è Ricci, al rientro dopo l’infortunio, al centro in coppia con Solè per Grbic. Subito quattro per Piacenza con tre ace di Brizard (0-4). Squillo di Solè a muro (3-5). Lagumdzija va a segno dalla seconda linea, poi ace di Cester (6-10). Ancora Solè a muro, poi Giannelli sotto rete (11-12). Contesa sottorete che vale la parità (14-14). Piacenza riparte con Rossard (14-16), Perugia risponde subito con Anderson (16-16). Out Lagumdzija, accompagnata di Cester e vantaggio bianconero (18-16). Fuori la pipe di Rossard (22-19). Tre in fila del neo entrato Stern rimettono tutto in equilibrio (22-22). Rychlicki chiude dalla seconda linea (23-22). Ace di Leon, set point Perugia (24-22). Chiude subito Solè (25-22).

Smash di Leon in avvio di secondo set (3-1). Il muro di Piacenza pareggia (4-4). Magia di Anderson (6-4). Anderson picchia forte dai nove metri e Piacenza non riesce a costruire (9-6). Ace di Rossard (10-9). Ancora un muro di Piacenza che pareggia i conti (12-12). Contrattacco di Recine e vantaggio Gas Sales (12-13). Solè dà fiato ai suoi (13-13). Si gioca punto a punto con Solè a bersaglio (17-17). Contrattacco vincente di Leon (18-17). Ace di Holt, poi Stern. Break di Piacenza (18-20). Il muro di Brizard lancia i suoi (20-23). Ace di Giannelli (22-23). In rete il servizio successivo, set point Piacenza (22-24). Non c’è il tocco del muro sull’attacco di Leon, equilibrio nel conto dei set (23-25).

Punto a punto nel terzo parziale (5-5). In rete Brizard (7-5). Parità a quota 10 dopo l’attacco out di Solè. Ace di Stern e muro di Recine, vantaggio Piacenza (11-13). Stern lancia la Gas Sales (15-18). Perugia trova la parità con il turno al servizio di Leon ed il muro di Anderson (19-19). Out Stern, poi smash di Solè (21-19). Perugia resta a +2 con la pipe di Leon (23-21). Due set point Perugia (24-22). Leon chiude al secondo tentativo, Perugia di nuovo avanti (25-23).

Vantaggio Piacenza nel quarto set con Recine (2-3). Chiude Anderson dopo un lungo scambio (5-4). Due in fila di Mengozzi, poi ace di Anderson (10-7). Invasione di Holt (12-8). Piacenza dimezza dopo l’attacco out di Rychlicki (13-11). Attacco ed ace di Leon, poi muro di Giannelli (16-11). Ancora un muro, stavolta di Anderson (18-12). Muro di Rossard, Piacenza accorcia (20-16). Pipe di Anderson (21-16). Leon sulle mani alte del muro avversario (22-17). Sole per le vie centrali (23-18). Muro vincente di Anderson, match point Perugia (24-18). Ace di Leon, Perugia è in finale (25-18).

INTERVISTE 

Nikola Grbic, tecnico della Sir Safety Conad Perugia:

“Era prevedibile che Piacenza avrebbe giocato una partita così. Per loro è una stagione travagliata, quindi questa partita per loro poteva essere salva-stagione. Sono molto contento perchè comunque l’abbiamo portata a casa. Ci siamo trovati davanti una squadra che con la battuta ci metteva parecchia difficoltà, per questo abbiamo usato molte pipe che per noi sono un’arma in più. Si vedeva che all’inizio eravamo un po’ tesi, anche per la nuova regola dei 15 secondi. Per me è un esperimento che è fallito e che comunque non si deve fare in un momento così importante della stagione. Giocheremo la finale al meglio delle nostre possibilità”.

Simone Giannelli, palleggiatore della Sir Safety Conad Perugia:

“Sono contento per la vittoria. Sinceramente la regola dei 15 secondi non mi fa impazzire. Velocizzare il gioco fa bene, ma così è troppo. Brizard è un grande palleggiatore, è sempre divertente giocare contro lui. Loro hanno battuto molto forte, hanno cercato di staccarci da rete. Ho molto fiducia in Rychlicki, non ho paura a dargli palle importanti. Leon? Lui è un giocatore cui bisogna dare la palla spesso per fargli esprimere tutto il suo talento, anche se gli avversari sanno bene che arriverà lì. Finale con Trento? Ora sono un giocatore di Perugia”.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – GAS SALES BLUENERGY PIACENZA 3-1

Set: 25-22, 23-25, 25-23, 25-18

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: Anderson 18, Ricci 1, Giannelli 4, Rychlicki 8, Leon 26, Solé 12, Colaci (L), Plotnytskyi, Mengozzi 3, Travica. N.e.: Dardzans, Ter Horst, Russo, Piccinelli. All.: Grbic

GAS SALES BLUENERGY PIACENZA: Lagumdzija 3, Russell 3, Brizard 7, Rossard 16, Cester 4, Caneschi 1, Scanferla (L), Recine 10, Stern 16, Tondo, Antonov, Holt 4. N.e.: Pujol, Catania. All.: Bernardi

Arbitri: Armando Simbari – Umberto Zanussi

Perugia: 41 % ric. pos., 30 % ric. per., 49 % att., ace 5, muri 13
Piacenza: 35 % ric. pos., 23 % ric. per., 44 % att., ace 7, muri 9

Nicolò Brillo