Esperienza e professionalità: Pallavolo Perugia si affida a Luca Ziino

82

Il tecnico perugino guiderà la formazione di serie C e le squadre under 16 e 18

   

Pallavolo Perugia si affida all’esperienza e alle qualità di Luca Ziino. Il coach perugino, dopo aver chiuso la stagione come vice di Marangi nella finale che ha portato la prima squadra in serie A2 e svolto un ottimo lavoro nel settore giovanile, nella prossima stagione sarà il riferimento per quando riguarda le formazioni di serie C, under 18 e 16. Una scelta quella del Presidente Mastroforti e del Ds Salibra all’insegna della continuità ma anche dettata dalla volontà di incrementare il livello di crescita dei gruppi alle spalle della prima squadra. Ziino, classe 1972, vanta  un curriculum di tutto rispetto sia nel massimo campionato regionale, sia nel settore giovanile, dove ai tempi della Sirio Perugia (e non solo) ha ottenuto importanti risultati anche a livello nazionale.

“Ringrazio la società – dichiara lo stesso Ziino – per la fiducia che ha riposto nei miei confronti. Lo scorso anno ho iniziato con un ruolo più defilato, a cui non ero più abituato, ma dopo un paio d’anni di sosta per scelte personali, ho accettato di fare il secondo in serie C e guidare alcune squadre giovanili”.

Quest’anno, invece, Ziino avrà a disposizione due gruppi di ragazze: un under 18 e un under 16. Il primo si misurerà sia nel campionato di serie C con un paio di innesti ‘senior’, sia in quello di categoria. Il secondo disputerà il campionato under 16 e quello di Seconda Divisione.

“La serie serie C la sento un po’ come un giardino di casa, visto che quello che sta per iniziare sarà per me il diciassettesimo campionato. Lo affronteremo con l’obiettivo di salvarci e far crescere un gruppo di giovani under 18, che  parallelamente affronteranno anche il relativo campionato giovanile Fipav. Diciamo che rispetto alle direttive della Lega di Serie A che impone una seconda squadra under 20, con due fuori quota, noi abbiamo dato un’interpretazione ancora più rigida puntando su un gruppo maggiormente giovane. Nel campionato under 18, così come in quello under 16, partiamo a fari spenti. Puntiamo a far crescere le ragazze, poi strada facendo capiremo meglio gli obiettivi da raggiungere in termini di risultati”.