Atanasijevic: “A Trento sarò al massimo”

    100
    Atanasijevic:

    Atanasijevic: “A Trento sarò al massimo”. L’opposto della Sir: “Abbiamo cambiato sistema di gioco rispetto all’anno scorso, così più possibilità di vincere”

    Conferenza stampa oggi pomeriggio al PalaBarton per l’opposto della Sir Safety Conad Perugia Aleksandar Atanasijevic a due giorni dalla grande sfida di domenica a Trento contro l’Itas Trentino per l’anticipo della tredicesima giornata di Superlega.

    Questi i passaggi più significativi della conferenza. Il primo è ovviamente legato al rientro in campo dopo lo stop per problemi fisici.

    “Sicuramente è sempre bello rientrare in campo dopo qualche settimana. Non è facile stare fuori e guardare le partite. I miei compagni sono stati bravissimi e complimenti soprattutto ad Hoogendoorn che ha fatto benissimo durante la mia assenza. Adesso sto molto meglio, ringrazio lo staff medico per il lavoro fatto, domenica a Trento sarò al massimo”.

    È proprio Trento adesso il focus di Atanasijevic e di tutta la Sir.

    “A Trento sarà un big match. Abbiamo già giocato altre partite di grande livello quest’anno ed abbiamo dimostrato di saper giocare certi tipi di gare, sappiamo quando dover spingere sull’acceleratore. Andiamo ad affrontare una squadra molto forte e magari questa sfida non arriva nel nostro miglior momento, ma sono fiducioso e positivo per domenica perché stiamo migliorando giorno dopo giorno. Certamente sarà un bel test, Trento è una formazione difficile da affrontare, molto brava in difesa e che sbaglia poco. Il nostro punto di forza era battere ed attaccare a mille e questo contro Trento diventa difficile da mettere in pratica, ma ora con il nuovo sistema di gioco sappiamo di poter andare là a vincere”.

    Già, il sistema di gioco.

    “È completamente diverso rispetto a quello dello scorso anno. Quest’anno stiamo cercando di migliorare in difesa, tirare su più palloni del nostro avversario e poi lavorare bene in contrattacco. Ci vuole ancora un po’ di tempo, non importa quanti ace facciamo, lavoriamo duro e so che siamo sulla strada giusta. A che livello siamo? Credo già ad alto livello, al momento siamo la sola squadra che ha vinto un trofeo. Civitanova la scorsa stagione ha chiuso terza ed in una settimana ha vinto scudetto e Champions, dimostrando che non è importante arrivare ai playoff da primi o secondi o terzi, ma che è importante arrivarci pronti”.