Colaci: “Ora pensiamo solo a Monza”

87

Il libero della Sir alla vigilia di gara 2 contro i lombardi: “Vogliamo chiudere il discorso per poi concentrarci sulla Champions”

In vista della trasferta lombarda contro Monza, tocca al libero Massiamo Colaci dare il termometro sullo ‘stato’ della Sir, reduce dalla vittoria in gara 1 e anche dal ko interno di Champions.

“Nella nostra testa adesso c’è solo Monza. Vincere domenica alla Candy Arena ci permetterebbe di preparare solo ed esclusivamente la partita di ritorno della semifinale di Champions e poi chiudere in due partite sarebbe fondamentale per fare capire agli avversari che con la testa siamo lì. Ci aspetta una partita complicata, Monza è una buona squadra, brava in battuta e con delle armi tecniche che ci danno fastidio perché sono bravi a rigiocare sul muro, hanno una buona battuta e una buona difesa che ci costringe a giocare azioni lunghe. Sicuramente rischieranno al massimo dai nove metri un po’ perché è una loro arma e poi perché se Lucio (De Cecco, ndr) ha palla in mano diventa dura per tutti. Per questo mi aspetto una partita difficile in ricezione. Detto questo, credo che abbiamo qualcosina in più di loro, in fondo lo dice anche la classifica del campionato e non ci nascondiamo. Se cambierà qualcosa tatticamente rispetto a gara 1? Mah, magari potrà cambiare qualche direzione d’attacco, ma per il resto non penso che gli aspetti tattici saranno molto diversi”.

Il discorso poi scivola ovviamente sul match di mercoledì scorso al PalaBarton contro Kazan e su quella che potrà essere la partita di ritorno in programma mercoledì 10 aprile in terra russa.

“La partita di mercoledì è stata bellissima da vedere e da giocare, con un livello di pallavolo molto alto. Abbiamo perso e credo che potevamo fare meglio qualcosa. Penso al nostro servizio, dove rispetto ad altre volte abbiamo raccolto poco, ed avremo potuto sfruttare meglio anche qualche situazione di contrattacco, ma bisogna considerare anche la grande qualità dell’avversario. Coach Bernardi subito dopo la partita ci ha fatto i complimenti per la prestazione. Cosa penso in vista del match di ritorno? Io per natura sono ottimista, ma ci crediamo un po’ tutti proprio per la prestazione che abbiamo fatto l’altra sera. Abbiamo perso è vero, ma mai come quest’anno il livello era simile. Loro hanno fatto una partita incredibile, noi anche abbiamo giocato molto bene, ma qualcosa ci è mancato e l’esultanza finale dei ragazzi del Kazan forse fa capire che anche per loro è stata dura. Prestazioni di questo tipo ti danno fiducia e già in spogliatoio si pensava alla partita di ritorno, c’era già voglia di rigiocarla. Percentuali? Non saprei darle, ma ci credo davvero”