Dici Palermo e ripensi al ’93…

106
Dici Palermo e ripensi al '93... La rimonta nel finale dei siciliani in C1 quasi precluse le speranze di promozione. Ma lo scorso anno Di Carmine fece male ai rosanero

Dici Palermo e ripensi al ’93… La rimonta nel finale dei siciliani in C1 quasi precluse le speranze di promozione. Ma lo scorso anno Di Carmine fece male ai rosanero

Dopo aver osservato il turno di sosta, il Perugia tornerà di nuovo in campo: sabato pomeriggio al Curi, infatti, Vido e compagni affronteranno il Palermo.

Mister Nesta, nella conferenza stampa successiva alla bella quanto importante vittoria di Ascoli, ha dichiarato che, da qui fino al termine della stagione, servirà continuità, sia nelle prestazioni che nei risultati.

La sfida del prossimo 9 febbraio è di difficile decifrazione, non tanto per il Grifo, ma per l’attuale situazione societaria dei siciliani.

La dirigenza rosanero, infatti, è al centro di una “bufera” che sta mettendo a serio rischio il campionato del Palermo e, soprattutto, l’iscrizione della squadra alla prossima stagione qualsiasi sarà la categoria.

I calciatori, quindi, rischiano di giocare tutto il girone di ritorno pur sapendo quale sarà il loro epilogo, la loro fine. La vicenda, tuttavia, avrà ulteriori sviluppi il prossimo 15 febbraio (ben 6 giorni dopo la sfida del Curi) e tutto è ancora aperto.

Pertanto, per il Perugia è d’obbligo mantenere altissima la concentrazione: il Palermo, infatti, è una squadra molto forte e, attualmente, è al secondo posto ma occorre ricordare che ha perso la vetta della classifica solo in questo ultimo turno.

Tuttavia, dalla parte del Grifo ci sono i precedenti. Quella di sabato sarà la 20esima sfida tra le due formazioni e il bilancio è in netto favore dei Grifoni: 9 vittorie contro le 3 dei siciliani. 7 i pareggi.

ANNI ’40 – ’60 – ’70

La prima sfida risale al campionato di serie B 1946/1947 con il Grifo che ottenne una splendida vittoria per 3-2.

La stagione seguente, invece, furono i siciliani ad espugnare il capoluogo umbro, addirittura con un nettissimo 0-3. Di Pavesi, Lozzi e Di Muso le reti.

Successivamente, per vedere di nuovo contrapposte le due formazioni bisogna andare avanti nel tempo fino a raggiungere il 1967/1968. Perugia e Palermo si affrontarono alla prima giornata del campionato di serie B e la sfida terminò 1-1 (Turchetto (P), aut. Olivieri).

Da qui in poi, fu un vero e proprio dominio biancorosso, con il Grifo che ottenne ben 6 vittorie consecutive.

Andando con ordine, il primo successo risale al 10 gennaio 1971, quando Traini e Urban liquidarono il Palermo con un secco 2-0.

Nella partita del 1971/1972, invece, è ancora Urban a mettere la firma sull’incontro: il centravanti realizzò una doppietta nei primi 37 minuti di gioco. Nella ripresa Troja accorciò le distanze, ma Martellossi chiuse definitivamente i conti a 5 minuti dal termine. 3-1 il risultato finale.

Nel 1973/1974, invece, la vittoria fu molto più “sudata”. La Rosa portò in vantaggio i rosanero ma, nella ripresa un rigore di Lombardi e Parola ribaltarono la gara.

Stesso epilogo nel 1974/1975 (sempre tra i cadetti): 2-0 per il Perugia, targato Frosio e Vannini.

Anni ’80 – ’90

Nel primo match degli anni ’80 (1981/1982), registriamo ancora una vittoria del Perugia, questa volta di misura. Decisivo un rigore di Cavagnetto allo scadere.

Nel 1982/1983, invece, il Perugia tornò a domare i rosanero con un netto e perentorio 2-0: nel primo tempo è Morbiducci a portare in vantaggio i Grifoni, mentre nella ripresa, Ottoni chiuse i conti. Era il 5 dicembre 1982.

Da qui in poi, nessuna delle due formazioni riuscì a prevalere nelle 5 gare successive. Dopo tre 0-0 consecutivi (1983/1984, 1985/1986, 1988/1989), Perugia e Palermo diedero vita ad un pirotecnico 2-2.

Per un’ora di gioco Grifoni incontenibili e trovarono addirittura il doppio vantaggio (prima Di Nicola, poi Fermanelli). Tuttavia, i siciliani reagirono e in 10 minuti ristabilirono la parità, grazie alle reti di Musella e Di Carlo. Per la cronaca, questa fu la prima sfida tra le due formazioni in serie C1.

Nel 1990/1991, invece, furono i biancorossi a rimontare gli avversari: 1-1, a Lunerti rispose Pannitteri.

Due anni dopo (1992/1993, serie C, girone B), registriamo un blitz esterno del Palermo. Una partita emozionante e viva fino all’ultimo secondo. Al 72’, Giunti siglò il vantaggio perugino ma i Grifoni non riuscirono a difendere il vantaggio: all’83’ Serra ristabilì la parità, mentre al 92’ De Sensi gelò il Curi realizzando la rete del definitivo 1-2. Era il 9 maggio 1993.

Nel 1994/1995, il Grifo tornò alla vittoria, sebbene di misura. Agli uomini di Castagner, infatti, fu sufficiente il gol di Cornacchini.

L’ultima sfida del vecchio millennio terminò a reti inviolate (0-0) e risale alla stagione 1995/1996.

ULTIMO PRECEDENTE

L’ultimo precedente risale alla passata stagione e, curiosamente, è stata la prima ed unica sfida – fino ad ora – degli anni 2000.

Gli uomini di Breda iniziano con il piglio giusto la sfida: cross dalla sinistra di Pajac, Cerri anticipa tutti (forse è pure ostacolato da Di Carmine), ma il portiere avversario compie un grande intervento e salva.

Risponde il Palermo con un tiro dalla lunga distanza di Chochev di poco a lato.

Ancora pericoloso il Grifo, sempre dalla sinistra. Questa volta l’asse è Di Carmine – Mustacchio, l’ala biancorossa giunge al tiro ma la sua concluione è deviata in angolo da un difensore avversario.

Nella ripresa, la sfida cala nettamente di intensità e le occasioni degne di nota sono solamente due, entrambe del Perugia.

La prima parte dai piedi di Kouan che effettua un traversone dalla trequarti. Di Carmine di allunga come può e colpisce di testa impegnando seriamente il portiere avversario che si oppone d’istinto. Dopo il suo intervento, la sfera colpisce la traversa e rientra in campo, senza però che Cerri riesca a ribadire la palla in rete.

L’altra occasione è quella del vantaggio del Perugia. E’ il 92’ e tutto lascia presagire al pareggio. Tuttavia, Cerri si inventa un favoloso assist, con il quale libera Di Carmine solo davanti al portiere.

L’estremo difensore rosanero esce a valanga e travolge Di Carmine ma il centravanti biancorosso riesce ad anticiparlo prima di cadere a terra e realizzare la rete del definitivo 1-0 che fa letteralmente esplodere il Curi.

TABELLINO ULTIMO PRECEDENTE

PERUGIA – PALERMO 1-0 (0-0)

PERUGIA (3-5-2): Leali; Del Prete, Volta, Magnani; Mustacchio (66′ Buonaiuto), Gustafson, Bianco (61′ Colombatto), Kouan (77′ Nura), Pajac; Cerri, Di Carmine. All. Breda.

PALERMO (3-5-2): Pomini; Szyminski, Struna, Rajkovic (72′ Bellusci); Rispoli, Murawski, Jajalo, Chochev, Aleesami; Trajkovski (84′ Balogh), La Gumina (60′ Nestorovski). All. Tedino.

RETI: 92’ Di Carmine

ARBITRO: Chiffi di Padova

NOTE: Ammoniti: 55′ Gustafson (Pe), 87′ Jajalo (Pa), 94′ Leali (Pe).

COPPA ITALIA

Un unico precedente in Coppa Italia tra Perugia e Palermo, risalente all’edizione 1985/1986. In questa circostanza, la vittoria andò al Palermo: 1-2, reti di Cuoghi (Pg) De Vitis e Pallanch (Pa).

Michele Mencaroni