Grifo: col Brescia i precedenti sono dalla tua parte

245
Grifo: col Brescia i precedenti sono dalla tua parte. Oltre al fattore

Grifo: col Brescia i precedenti sono dalla tua parte. Oltre al fattore “Curi”, il Perugia di Oddo potrà contare sulla “storia” per battere le neo-promosse rondinelle

Grazie al successo per 1-0 contro la Triestina, regalato dalla rete di Filippo Sgarbi, il Perugia ha vinto la sua prima gara ufficiale della stagione 2019/2020 ed ha così conquistato il pass per il Terzo turno di Coppa Italia.

Ora, sul cammino dei Grifoni di Massimo Oddo, ci sarà il Brescia, squadra neo promossa in serie A.

Se l’impegno contro la Triestina non era da sottovalutare, questo di domenica prossima (inizio ore 18) sarà decisamente più complicato visto che, sebbene fresca di promozione, la dirigenza lombarda – come vedremo in un successivo articolo – ha già messo a segno alcuni colpi di mercato, assicurandosi le prestazioni di alcuni giocatori di spessore.

Tuttavia, dalla propria parte, il Grifo avrà la spinta dei propri tifosi.

Inizialmente, la gara si sarebbe dovuta disputare al “Rigamonti” di Brescia, ma in virtù di un ritardo nei lavori di ristrutturazione, lo stadio non è disponibile (i lombardi, tra l’altro, per lo stesso motivo hanno chiesto ed ottenuto anche di disputare in trasferta le prime due gare di campionato).

In un primo momento, le Rondinelle avevano provato a cercare uno stadio più vicino – si era parlato di Mantova e Cesena – ma, alla fine, si è optato per l’inversione di campo (prevista dal regolamento della Coppa Italia).

E, se osserviamo i precedenti, questo è un altro fattore che pende in favore del Grifo.

In casa, il bilancio è di 10 vittorie del Perugia contro le 3 del Brescia e 7 pareggi, mentre diametralmente opposta la statistica in Lombardia: 7 vittorie delle Rondinelle, 3 dei biancorossi e 9 pareggi.

LE SFIDE

Essendo tante le sfide, sarebbe troppo lungo citarne una ad una. Pertanto, prenderemo in considerazione quelle più emozionanti o più significative.

Andando in ordine cronologico, la primissima sfida risale al 22 dicembre 1968, quando le due formazioni si affrontarono, in Lombardia, alla 12ma di campionato. A vincere fu il Brescia: 1-0, rete di Busvades.

Al ritorno, invece, furono i Grifoni di Mazzetti ad imporsi: 2-0 (aut. Fanti, Fava).

Dopo tante gare tra i cadetti, nella stagione 1980/1981 troviamo la prima sfida in serie A: 1-1 a Brescia (Bagni (P), Penzo (B)), 0-0 al Curi.

Rimanendo sempre negli incontri nella massima serie, tanti i match nel nuovo millennio, quasi tutti in favore delle Rondinelle, con il Grifo che non riesce ad ottenere nemmeno una vittoria.

In Lombardia, la statistica è di 3 vittorie dei padroni di casa e 1 pareggio, mentre quella del Curi è di 4 pareggi.

Emozionante la sfida del 2000/2001 quando, nel capoluogo umbro, alla 31ma di campionato, dopo la doppietta di Dario Hubner, il Grifo di Cosmi riuscì a riacciuffare il pari grazie alle reti di Vryzas e di Robbiati a pochi minuti dalla fine. Era il 20 maggio 2001.

Altro match esaltante, sempre al Curi, è quello del 21 dicembre 2003, quando il Perugia andò due volte in vantaggio, prima con Margiotta e poi grazie ad un’autorete di Dainelli, ma venne raggiunto in entrambi i casi. Per il Brescia a segno Di Biagio e Filippini.

Passando al recente passato, le due compagini sono tornate ad affrontarsi tra i cadetti.

Tra queste, spicca il roboante 4-0 inflitto dal Perugia il 21 novembre 2015 (Belmonte, Parigini, Ardemagni, Zapata) e l’1-2 del Rigamonti (Tonucci, Ardemagni, Falcinelli) con il quale il Perugia espugnò nuovamente Brescia dopo 41 anni.

ULTIMO INCONTRO

L’ultima sfida risale alla passata stagione ed è favorevole al Brescia. La squadra di Corini sta piano piano uscendo allo scoperto e sta iniziando a dimostrare tutto il suo valore.

Avvio shock per i Grifoni: passano, infatti, appena 4 minuti e sono già in svantaggio. Cross dalla destra di Bisoli, Donnarumma colpisce di testa ma trova un grandissimo intervento di Gabriel. Tuttavia, l’estremo difensore brasiliano nulla può sula ribattuta di Torregrossa.

A fare la partita sono gli ospiti che bloccano tutte le – poche – azioni offensive biancorosse e sfiorano il raddoppio con Donnarumma, ma Gabriel dice ancora di no.

Nella ripresa il Grifo reagisce e si procura due palle gol in rapida sequenza, non capitalizzate né da Sadiq né da Kingsley.

Da qui in poi, però il Perugia non riesce più a rendersi pericoloso e, nel finale, subisce anche la seconda rete da Donnarumma, lanciato a rete da Torregrossa.

0-2 e Brescia che conquista il secondo posto.

TABELLINO ULTIMO PRECEDENTE

PERUGIA – BRESCIA 0-2

PERUGIA (4-3-1-2): Gabriel; Mazzocchi, Gyomber, El Yamiq, Ngawa (46′ Felicioli); Dragomir (83′ Falzerano), Bianco, Kingsley; Verre; Sadiq, Vido (74′ Han). Allenatore: Nesta

BRESCIA (4-3-1-2): Andrenacci; Sabelli, Romagnoli, Cistana, Mateju; Dessena, Tonali (90′ Martinelli), Bisoli; Spalek; Torregrossa, Donnarumma (84′ Morosini). Allenatore: Corini

ARBITRO: Antonio Giua di Sassari

RETI: 4′ Torregrossa e 75′ Donnarumma

NOTE: Ammoniti: Dragomir, Tonali, Dessena e Andrenacci

Michele Mencaroni