Grifo di rigore espugna Castellamare di Stabia

265

Grifo di rigore espugna Castellamare di Stabia. Decisivo ancora Bomber Iemmello autore di una doppietta (entrambe le reti dal dischetto)e sale a quota 17 gol e rilancia il Grifo in classifica: ora il secondo posto è a 2 punti

Vittoria di rigore, ma di fondamentale importanza per il Perugia: allo stadio “Romeo Menti” termina 1-2 in favore dei biancorossi. In una giornata in cui tutte le prime della classe hanno perso, l’unica cosa da fare era vincere e così è stato. Un Grifo combattivo che riesce a conquistare 3 punti in un  campo caldo e non semplice e contro un avversario in piena salute (la Juve Stabia veniva da 6 risultati utili consecutivi). Un successo, a tratti sofferto, ma che il Perugia ha saputo conquistare con una ritrovata grinta. Ora gli uomini di Cosmi si rilanciano in classifica: il secondo posto è a sole due lunghezze e sabato, al Curi, ci sarà un’altra battaglia contro un’altra diretta concorrente, lo Spezia. Grifo con il lutto al braccio per la scomparsa dello storico Luciano Gaucci e con Mister Cosmi che ritrova Iemmello dopo la squalifica e schiera nuovamente il 3-5-2, con Mazzocchi sulla destra (Benzar rimasto a Perugia) e Nzita a sinistra e Falcinelli al fianco di Iemmello. Parte bene il Perugia che riesce a sbloccare la gara dopo 18 minuti: Allievi atterra Iemmello in area di rigore e l’arbitro non esita a concedere la massima punizione. Dal dischetto va lo stesso Iemmello che calcia di potenza e trasforma. Il vantaggio, tuttavia dura pochi minuti con le Vespe che reagiscono e pungono in contropiede i Grifoni. Canotto parte (dubbia la sua posizione di partenza) dalla trequarti e si invola verso l’area e trafigge Vicario in uscita. Dopo il pareggio, il Perugia soffre e i padroni di casa si creano due occasioni da gol nitide: prima Canotto colpisce la traversa, poi Vitiello conclude dal limite ma Vicario para con la sfera che colpisce anche il palo. A fine tempo, il Grifo ha una grande occasione: Iemmello mette Nzita davanti a Provedel, ma la botta del terzino sinistro trova la deviazione di un difensore avversario. Nella ripresa, Cosmi inserisce Carraro al posto uno spento Konate e la manovra del Perugia migliora. Dopo pochi minuti, infatti, i biancorossi si procurano due clamorose palle gol con Falcinelli e Mazzocchi. Ma l’occasione più grande capita nei piedi di Iemmello. Il centravanti aggancia, batte a rete ma trova il grande intervento di Provedel, tanto è vero che non si può parlare di un vero e proprio errore dell’attaccante biancorosso. I padroni di casa provano a reagire ma la difesa biancorossa è granitica. Al 71’, episodio in area che determina la gara: Rosi anticipa il marcatore e viene steso in area, il diorettore di gara concede il secondo penalty al Grifo. dal dischetto Iemmello si dimostra ancora un vero e proprio cecchino e non fallisce. 1-2. Dopo il vantaggio, il Perugia ha due occasioni clamorose, ma gli uomini di Cosmi non ne vogliono sapere di chiudere la sfida: prima Mazzocchi spreca a tu per tu con Provedel e poi ancora Iemmello, smarcato da un super Melchiorri, spreca a due passi dalla porta. Tuttavia, dopo ben 7 minuti di recupero, porta a casa una vittoria importantissima.

JUVE STABIA – PERUGIA 1-2 (1-1)

Juve Stabia (4-3-1-2): Provedel; Vitiello, Fazio, Allevi (73’st Tonucci), Ricci; Addae (80’st Rossi), Calò, Mallamo; Di Gennaro (58’st Di Mariano); Forte, Canotto. All. Caserta. A disp.: Esposito M, Bifulco, Buchel, Calvano, Germoni, Izco, Melara, Mezavilla, Polverino,

Perugia (3-5-2): Vicario; Rosi, Angella, Gyomber; Mazzocchi, Falzerano, Konate (46’pt Carraro), Nicolussi Caviglia, Nzita (81’st Rajkovic); Iemmello, Falcinelli (68’st Melchiorri). All. Cosmi. A disp: Fulignati, Albertoni, Barone, Buonaiuto, Capone, Dragomir, Kouan, Sgarbi

RETI: 18′ pt Iemmello (rig), 25′ pt Canotto, 71′ st Iemmello (rig)

Arbitro: Daniele Minelli di Varese (Bercigli – Perrotti) IV uomo: Marco D’Ascanio di Ancona

Note: ammoniti: Fazio, Addae (JS), Angella, Konate, Nzita, Melchiorri (P)