Grifo per tutti i gusti: tante soluzioni per Oddo

261
Grifo per tutti i gusti: tante soluzioni per Oddo. Dalle due punte all'albero di natale fino ad altre alternative tattiche: mai come quest'anno la rosa del Perugia è ampia e variegata

Grifo per tutti i gusti: tante soluzioni per Oddo. Dalle due punte all’albero di natale fino ad altre alternative tattiche: mai come quest’anno la rosa del Perugia è ampia e variegata

Con la chiusura del calciomercato e ancora cinque giorni che ci separano dalla sfida casalinga con la Juve Stabia, andiamo ad analizzare la rosa del Perugia e le possibili soluzioni tattiche a disposizione di mister Oddo.

3 portieri, 9 difensori, 6 centrocampisti, 6 attaccanti. Questa la composizione del gruppo biancorosso che, potenzialmente, presenta almeno un’alternativa (di valore o comunque di discreta caratura) per ogni singolo ruolo.

In questo primissimo scorcio di stagione, considerando anche le sfide di Coppa Italia, Oddo ha utilizzato come modulo di riferimento il 4-3-2-1 alternato, anche a gara in corso, al 4-3-1-2.

Gli uomini ci sono per interpretare entrambe le varianti, ma con l’arrivo di Falcinelli e la presenza di una punta comunque importante come Iemmello, si potrebbe ipotizzare che lo schieramento ad un trequartista e due attaccanti d’area sia il migliore. Senza dimenticare poi il “buon” Melchiorri pronto a dare il suo contributo fatto di sacrificio ed esperienza.

Ma non finisce qui. Perchè se nella scorsa stagione mister Nesta ha dovuto presto abbandonare il 3-5-2 per l’assenza di uomini di fascia, quest’anno il Grifo può veramente cambiare pelle anche radicalmente.

Le caratteristiche della rosa permettono, almeno sulla carta, anche un possibile utilizzo del 4-3-3 e del 3-5-2.

Nel primo caso il tridente potrebbe essere composto da Iemmello come riferimento centrale con ai lati Buonaiuto (oppure Fernandes o Capone) e Falcinelli. Senza dimenticare la possibilità di poter usufruire di Falzerano anche come ala.

Nel secondo caso (3-5-2) Di Chiara e Rosi potrebbero essere tranquillamente avanzati a centrocampo come “quinti”. La difesa a tre potrebbe essere formata da Angella come perno centrale, Gyomber a destra e uno tra Sgarbi, Rodin e Falasco a sinistra.

Lasciando da parte l’ottimismo talvolta eccessivo (ma in parte giustificato) di fine mercato, possiamo affermare di trovarci davanti ad un Perugia per tutti i gusti.

Allo chef Oddo il compito di scegliere gli “ingredienti” e il “tipo di cottura” più confacenti.

Nicolò Brillo