Grifo-radar: in difesa scalpita Sgarbi

484
Grifo-radar: in difesa scalpita Sgarbi. Fino ad ora il classe '97 non è mai sceso in campo, ma il reparto non convince appieno ed il ragazzo merita la grande possibilità

Grifo-radar: in difesa scalpita Sgarbi. Fino ad ora il classe ’97 non è mai sceso in campo, ma il reparto non convince appieno ed il ragazzo merita la grande possibilità

È arrivato nel capoluogo umbro come primo acquisto dell’ultima campagna estiva con un curriculum da giovane emergente e con tante buone indicazioni sul suo profilo tecnico.

Nel suo reparto ha trovato davanti a sè un po’ di “traffico” (tanto per citare le esatte parole proferite sul suo conto da mister Nesta) con le presenze dei vari Gyomber, Cremonesi, Ngawa, El Yamiq e dell’adattabile Falasco.

Ma ora Filippo Sgarbi merita davvero una chance, non solo di esordio in B, ma anche di partire direttamente dal primo minuto di una gara ufficiale.

Tra qualche amichevole e qualche allenamento, abbiamo subito avuto una buona impressione del classe ’97 scuola Inter e reduce da una stagione importante in C col Sud-Tirol.

Difensore scaltro, abile con i piedi e con enormi potenzialità ancora in parte inespresse. Eppure Sgarbi, dopo 10 partite di campionato, non ha visto il terreno di gioco nemmeno a match in corso.

E questo nonostante le 4 giornate di squalifica rimediate da Gyomber e gli ultimi acciacchi fisici di Ngawa.

Eppure, come hanno evidenziato le ultime partite, la retroguardia del Grifo stenta e non poco anche di fronte a formazioni non proprio irreprensibili come Padova e Livorno.

Le cause di ciò sono da ricercare anche in un centrocampo a volte troppo superficiale nella gestione del possesso palla e non sempre in grado di fare “filtro”. Verissimo.

Ma fino ad ora, il decantato Gyomber, sbarcato a Perugia (a detta dei più) come il miglior difensore della serie cadetta, e l’esperto Cremonesi hanno senza dubbio reso al di sotto delle aspettative.

Quindi perchè non concedere una chance al giovane Sgarbi prima che sia troppo tardi e si decida di mandarlo in prestito a gennaio?

Da queste parti, nel recente passato, grazie al coraggio di alcuni tecnici che hanno preceduto Nesta, sono cresicuti profili come quelli di Goldaniga, Mancini e Magnani. Gente che ora calca i campi della serie A e che sta puntando seriamente un posto in nazionale (soprattutto il giovane atalantino Mancini).

Nella conferenza stampa pre-Livorno, a domanda precisa, il tecnico biancorosso ha risposto che Sgarbi è pronto per esordire, confermando così le nostre impressioni positive verso il ragazzo.

Ora sarebbe però arrivato il momento di passare dalle parole ai fatti. Perchè, pur con grande rispetto delle scelte di un allenatore che lentamente sta facendo passi in avanti sotto tutti i punti di vista, il difensore ex Sud-Tirol merita.

Nicolò Brillo