Serie B: il giudice sportivo non perdona il Cosenza

132
Serie B: il giudice sportivo non perdona il Cosenza. Sconfitta a tavolino e multa per la non disputa del match col Verona a causa delle pessime condizioni del terreno di gioco
foto: Cosenzachannel.it

Serie B: il giudice sportivo non perdona il Cosenza. Sconfitta a tavolino e multa per la non disputa del match col Verona a causa delle pessime condizioni del terreno di gioco

Cosenza-Hellas Verona non sarà recuperata in altra data. Il giudice sportivo ha dichiarato il 3-0 a tavolino a favore dei veneti ed ha comminato una multa di 3.000 euro alla società calabrese.

I fatti risalgono al 1 settembre, in occasione della seconda giornata di campionato. Le due formazioni non poterono disputare il match a causa delle non perfette condizioni del terreno di gioco del “San Vito-Marulla”.

In seguito al sopralluogo dell’arbitro Piscopo con i capitani delle due squadre, si decise di non giocare la partita a causa dell’impraticabilità del campo, nei giorni precedenti rizzollato con materiale erbaceo proveniente da Sabaudia.

Poco credibili per il giudice sportivo le giustificazioni della società di Guarascio, che aveva indicato la presenza di particolari insetti come causa maggiore del mancato attecchimento delle nuove zolle.

Restano molte perplessità sulle pratiche burocratiche che non hanno permesso lo svolgimento di tali lavori a partire dal mese di luglio. Perplessità ci sono però anche sul ricorso preventivo preparato dagli scaligeri nelle ore precedenti la disputa della gara.

Siamo di fronte all’ennesimo fatto che non fa buona pubblicità al nostro calcio.

Nicolò Brillo