Sir, senti Russo: “Consapevoli dell’impegno che ci aspetta”

142
Sir, senti Russo:

Sir, senti Russo: “Consapevoli dell’impegno che ci aspetta”. Il centrale della Sir: “La vittoria con Sora ottimo viatico per la prossima sfida in casa di Trento”

Pensa già al futuro la Sir Safety Conad Perugia.

Archiviato il successo di ieri sera con Sora, il quinto consecutivo e da tre punti in campionato, per i Block Devils è tempo di cominciare a preparare il prossimo match, la sfida d’alta quota in trasferta di domenica contro l’Itas Trentino.

Match certamente ad alto tasso di difficoltà che Perugia affronta con il vento in poppa, reduce da una bella serie di risultati e con la consapevolezza di essere in crescita e di poter contare su una rosa di grande livello.

Lo ha dimostrato la partita di ieri sera con Sora che ha visto protagonisti alcuni giocatori, vedi l’Mvp Plotnytskyi, finora meno impiegati da coach Heynen.

Una partita che si chiude definitivamente con le parole di due protagonisti.

“Con Sora era importante vincere per arrivare alla sfida di Trento nel migliore dei modi – spiega Roberto Russo – La mia prova? Sono contento, faccio sempre il massimo e ieri è andata bene, ma il merito è di tutta la squadra. Domenica ci aspetta una partita difficile, andiamo a Trento carichi e con la consapevolezza di essere forti. Loro sono una squadra fortissima, una delle migliori del campionato. Daremo il massimo cercando di portare a casa i tre punti”.

“A questo giro mi toccano le paste in allenamento – sorride Omar Biglino che ieri ha bagnato nel migliore dei modi il suo esordio da titolare in Superlega – Battute a parte, è stato bellissimo entrare in campo davanti a tutti quei tifosi. All’inizio ero un po’ teso, poi ho rotto il ghiaccio ed è stato molto bello. L’intesa con De Cecco? Con Lucio per un centrale è facile, basta far andare il braccio e lui te la mette lì. Ieri era importante vincere e lo abbiamo fatto bene. Alcuni ragazzi hanno potuto riposare ed ora ci carichiamo per Trento”.