Verre + Gyomber: il Grifo cala gli ‘ex’ e stende il Pescara

348
Il pagellone di fine anno: Nesta bravo maestro, Verre l'alunno modello. Tecnico e trequartista i più positivi di questa stagione, ma sono tanti i rimandati

Verre + Gyomber: il Grifo cala gli ‘ex’ e stende il Pescara. La squadra di Nesta ritrova la vittoria al Curi contro gli abruzzesi e torna a farsi vedere in zona playoff

Il Perugia torna alla vittoria. Dopo il ko di Benevento, la squadra di Alessandro Nesta fa suo il big-match di giornata contro il Pescara (2-1) e torna a respirare l’aria dei playoff. Verre e Gyomber hanno messo la firma sul successo casalingo contro gli abruzzesi al termine di una sfida vibrante e combattuta.

CRONACA

Nesta recupera ‘miracolosamente’ Gyomber e lo schiera al centro della difesa con Cremonesi. Sugli esterni spazio ai terzini ‘bloccati’ Ngawa ed El Yamiq. A centrocampo, esordio in regia per Bordin, mentre Dragomir e Kingsley sono gli interni. Nel 4-3-1-2 confermato dal tecnico romano, Verre è il trequartista e Vido-Mastacchio la coppia di attaccanti, con Melchiorri in panchina. Assenze anche per il Pescara, con Pillon che schiera il 4-3-3 con un trio offensivo piuttosto veloce: Marras, Mancuso e Crecco. In porta senza Fiorillo, infortunato, tocca al Kastrati. Il Perugia parte bene. Verre sembra in palla, così come Vido. L’attaccante biancorosso al 21′ coglie un palo clamoroso con un tiro a giro dal limite. Il Pescara è vibrante in fase di ripartenza: Ciofani e Brugman creano scompiglio in area biancorossa, che come al solito paga qualche amnesia sugli esterni di difesa. La squadra di Nesta torna a farsi pericolosa nel finale. Vido al 39′ ha la palla per il vantaggio, ma da ottima posizione calcia clamorosamente su Kastrati. Verre poco dopo (42′) non sbaglia e porta sull’1-0 il Perugia, con la complicità dell’estremo difensore abruzzese non impeccabile nella parata. Il Pescara reagisce solo in avvio di ripresa con una bellissima conclusione di Melegoni (7′) che lascia di sasso Gabriel e rimette in equilibrio il match (1-1). Il Grifo si rivide con Verre, ma la sua punizione non è così pericolosa. Dopo essere rimasti a secco nella prima frazione, i biancorossi iniziano a collezionare calci d’angolo. Al 20′ quello calciato da Bordin è perfetto per la testa di Gyomber, che trova il 2-1 e il più classico gol dell’ex. Pillon capisce che è il caso di mettere mano alla panchina. Dentro Cocco per Crecco. Nesta risponde con Kouan per Mustacchio. Il Pescara si riversa in avanti, ma il Grifo tiene e punzecchia in contropiede. Nel finale i biancorossi passano al 5-3-2 con Mazzocchi al posto di Bordin. Pillon inserisce Monachello e Del Sole e nel finale il Pescara mette i brividi al popolo del Curi tra calci d’angolo e salvataggi sulla linea (Dragomir). Il Grifo resiste e porta a casa tre punti importantissimi.

PERUGIA – PESCARA 2-1 (1-0)

PERUGIA (4-3-1-2): Gabriel; Ngawa, Gyomber, Cremonesi, El Yamiq; Bordin (35′ st Mazzocchi), Dragomir, Kingsley; Verre; Mustacchio (25′ st Kouan), Vido (41′ st Bianchimano). A disp.: Leali, Perilli, Moscati, Han, Melchiorri, Terrani. All.: Nesta.

PESCARA (4-3-3): Kastrati; Ciofani, Gravillon, Perrotta, Del Grosso; Brugman, Machin, Melegoni; Marras (36′ st Monachello), Mancuso (36′ st Del Sole), Crecco (24′ st Cocco). A disp.: Farelli, Fornasier, Elizalde, Balzano, Scognamiglio, Palazzi, Memushaj, Succimarra. All. Pillon.

ARBITRO: Ghersini di Genova (Baccini – Lombardi). IV uomo: Di Martino di Teramo

MARCATORI: 42′ pt Verre (Pg), 7′ st Melegoni (Pe), 20′ st Gyomber (Pg)

NOTE: Ammoniti: Bordin (Pg). Angoli: 2-7. Recupero: 0′ pt; 4′ st