Vido torna in carreggiata, Sgarbi sbanda e taglia le gambe al Grifo

259
Vido torna in carreggiata, Sgarbi sbanda e taglia le gambe al Grifo. L'attaccante autore di una buona prova e del gol del pareggio, con l'espulsione il difensore preclude ai suoi la possibilità di un concreto forcing finale

Vido torna in carreggiata, Sgarbi sbanda e taglia le gambe al Grifo. L’attaccante autore di una buona prova e del gol del pareggio, con l’espulsione il difensore preclude ai suoi la possibilità di un concreto forcing finale

Le pagelle di Pescara-Perugia. A cura di Danilo Tedeschini

GABRIEL 6: Incolpevole sul gol, per il resto due preziose uscite nel finale e poi solo ordinaria amministrazione.

ROSI 5,5: Speriamo sia sempre un problema di condizione perchè da Rosi ci si aspetta molto di più del compitino, ancora una volta svolto in maniera non sufficiente.

GYOMBER 6: Di testa le prende tutte sfoggiando una prestazione all’altezza, purtroppo rovinata parzialmente dal solito vistoso, quanto inutile fallo (su Sottil c’era andato Rosi) che provoca la punizione, ribadita in rete da Memuschaj, del vantaggio pescarese.

SGARBI 5: Il peggiore del Perugia, soffre terribilmente in fase difensiva sbagliando anche numerosi appoggi. Lascia pericolosamente la squadra in dieci negli ultimi minuti per due cartellini rossi quando un Pescara bruttino era sulle ginocchia e c’era la possibilità di centrare la vittoria.

MAZZOCCHI 5,5: Volenteroso ma arruffone come al solito. Il problema del terzino sinistro, ormai siamo solo a cinque giornate dalla fine, è sempre più penalizzante.

KINGSLEY 5: Da quando ha tagliato i lunghi riccioli e tolto il colore biondo non è più lui. Reduce da un’influenza che lo ha colpito in settimana non garantisce l’apporto sperato, venendo sostituito da Falzerano dopo una decina di minuti della ripresa. (FALZERANO 6,5: Il suo ingresso dà sprint, qualità e quantità ad un centrocampo moscio e il Perugia dopo un quarto d’ora riesce a raggiungere il sospirato pareggio grazie al suo assist per il gol di Vido. Il migliore dei grifoni.)

CARRARO 5: Altra partita sottotono del giovane play biancorosso, stretto a centrocampo nella morsa di Memushaj e Bruno. Giustamente sostituito nell’intervallo da Nesta. (BIANCO 6: Pur non brillando, cerca di limitare il centrocampo pescarese, riuscendoci. Rientro sufficiente e incoraggiante.)

DRAGOMIR 5,5: Prestazione insufficiente quella della mezzala rumena, anche lui lontano dalla condizione del girone d’andata. Un turno di riposo potrebbe fargli bene.

VERRE 5,5: Gli allenatori avversari, ormai, lo francobollano a uomo come ha fatto Pillon piazzandogli quasi addosso Bruno. Una sola conclusione delle sue, ad inizio gara, terminata a a lato. (EL YAMIQ 6: Nei dieci minuti in campo se la cava di fronte agli assalti, in verità, tutt’altro che determinati dei pescaresi.)

SADIQ 5,5: Generoso come al solito, corre, fa a sportellate con Scognamiglio ma sotto porta, niente, arriva sempre con un pizzico di ritardo e per un centravanti non va bene.

VIDO 6,5: Prestazione più che sufficiente anche grazie al colpo di testa all’indietro che regala il pareggio al Perugia a metà ripresa. Per tornare ai livelli intravisti ad inizio campionato c’è ancora molto da fare ma è sulla strada giusta.

NESTA 6: A parte il solito mal di testa provocato dalle scelte dei terzini, ma non è certo colpa sua, è tradito dalle brutte prestazioni di Carraro e Kingsley scelti come iniziali titolari. Rimedia con sostituzioni corrette e precise sia nella tempistica che nella qualità.

Le pagelle del Pescara

Fiorillo 6; Ciofani 6,5, Perrotta 6, Scognamiglio 5,5, Del Grosso 6; Memushaj 6,5, Bruno 6, Brugman 5,5; Marras 6, Mancuso 5, Sottil 6. Crecco, 5,5, Bellini s.v, Balzano s.v.. All. Pillon 5,5