La MotoBefana Perugina all’insegna della solidarietà

150

La MotoBefana Perugina all’insegna della solidarietà. A Perugia si è tenuta la manifestazione motociclistica che ha consegnato dolci e un po’ di allegria ai bambini dell’ospedale di Perugia del centro Chianelli, ai militari dell’esercito e ai vigili urbani

A bordo di un sidecar d‘epoca, accompagnata da appassionati motociclisti, la Befana è arrivata  a Perugia per consegnare le calze, offerte dalla Perugina Nestlé, ai piccoli ospiti del reparto di Oncologia pediatrica dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia e del Centro per la vita Daniele Chianelli, donando loro un momento di serenità e divertimento. Le calze sono state offerte, quindi, ai militari dell’ospedale da campo dell’Esercito e agli agenti della Polizia Locale, per ringraziarli dell’impegno a favore della comunità in questo periodo particolarmente critico a causa della pandemia.

Organizzata dall’Associazione Moto Turismo Umbria, in collaborazione con  la UIPS Comitato Perugia e Trasimeno, l’Associazione Moto incontro Fabio Celaia, Entrophy Motorbike, il Moto SOS ProtezioneCivile e la E21, la 24° edizione della Moto Befana è partita da Pian di Massiano, nel pieno rispetto delle norme anticovid e delle limitazioni derivanti dai DPCM del Governo e delle ordinanze regionali, per raggiungere il centro storico. Da qui si è, quindi, diretta all’Ospedale Santa Maria della Misericordia, all’ospedale da campo dell’Esercito, quindi al Centro Daniele Chianelli, e infine alla sede della Polizia Locale di Madonna Alta.

All’evento hannopreso parte, anch’essi in sella alle due ruote, l’Assessore allo Sport del Comune di Perugia, Clara Pastorelli– passeggero del campione di enduro Nicolò Mori – e l’Assessore alla Sicurezza, Luca Merli, che hanno tenuto a sottolineare l’importanza dell’iniziativa di solidarietà, tenutasi nel pieno rispetto delle norme di sicurezza, che ha visto partecipanti da tutta la regione, ma anche da fuori, desiderosi di rispettare una tradizione che dura da anni e di portare un po‘ di gioia dove vi è sofferenza. Negli anni scorsi il ricavato delle iscrizioni veniva donato a soggetti del terzo settore impegnati nell’assistenza a disabili e anziani, ma quest’anno, viste le criticità, si è ritenuto di effettuare solo la consegna delle calze, grazie alla collaborazione della Perugina Nestlè e del Museo del Cioccolato, nonchè delle diverse associazioni motociclistiche partecipanti.