L’avversario: una Feralpi che farà Guerra al Grifo

188
L'avversario: una Feralpi che farà Guerra al Grifo. I lombardi riabbracciano l'attaccante piacentino che fa ritorno dal Vicenza. Ma fuori casa i leoni del Garda faticano
foto: Fabrizio Cattina - Fotolive

L’avversario: una Feralpi che farà Guerra al Grifo. I lombardi riabbracciano l’attaccante piacentino che fa ritorno dal Vicenza. Ma fuori casa i leoni del Garda faticano

Domenica 17 Gennaio il Perugia, tra le mura di casa del “Renato Curi”, affronterà l’ultimo avversario di questo girone di andata: la Feralpisalò.

I lombardi, di sicuro non partiti con l’obiettivo del primo posto come il Grifo, stanno comunque conducendo un discreto campionato dove stanno mettendo in mostra un gioco fluido, dinamico e frizzante.

I “leoni del Garda” possiedono gli scalpi di squadre particolarmente accreditate come Cesena (2-4), Triestina (2-1) e Padova (3-1).

I verde-azzurri si sono però resi protagonisti anche di scivoloni importanti che al momento relegano la formazione lombarda al nono posto con 26 punti anche se con una gara da recuperare.

Sono infatti arrivati k.o. rilevanti contro Matelica (3-1), Virtus Verona (3-0) e Mantova (1-3). E nell’ultima giornata la Feralpi è caduta per 2-1 in casa contro la Sambenedettese.

Va poi distinto il cammino dei lacustri tra quello casalingo e quello in trasferta.

Al “Turina” di Salò la squadra di mister Pavanel ha ottenuto ben 19 punti (miglior rendimento interno di tutto il girone, sopravanzando anche il Grifo che si piazza secondo nella speciale classifica).

Ma è proprio lontano dalle mura amiche che la Feralpisalò mostra il suo lato debole: solo 7 i punti racimolati in trasferta (peggio hanno fatto solo Vis Pesaro e Ravenna).

Dunque sarà un avversario di tutto rispetto, ma che al “Curi” risulta battibile. O almeno questo dicono le statistiche.

PRECEDENTI 

Le due formazioni si sono incontrate in Coppa Italia nel turno eliminatorio del 17 Agosto 2014. Il Perugia si impose 2-0 con reti di Taddei (su rigore) e Falcinelli.

ROSA E PUNTI DI FORZA/PUNTI DEBOLI

La Feralpisalò ha da pochissimo riportato tra le proprie fila l’attaccante piacentino Simone Guerra, già verde-azzurro tra il 2015 e il 2019 (112 presenze e 42 gol). Dovrebbe partire dalla panchina, ma attenzione alla sua voglia di riscatto dopo 6 mesi non certo soddisfacenti al Vicenza in B.

Occhio poi anche alle punte Miracoli (ex Varese, 4 gol) e Tulli (ex Pisa): si tratta di due giocatori esperti per la categoria.

In difesa troviamo l’ex Giani, mentre a centrocampo una rete a testa per il trio composto da Gavioli, Carraro e Guidetti.

Out per infortunio Legati, Bacchetti, Scarsella e Morosini. Il talento emergente della squadra è l’esterno D’Orazio, scuola Roma, già 3 reti in campionato.

Mister Pavanel utilizza il 4-3-1-2 come modulo di riferimento che però ha mutato in 4-3-3 nell’ultimo match.

La Feralpisalò ha numeri da squadra “normale” sia per quanto riguarda le reti fatte (24, settimo miglior attacco) che quelle subite (22, 13esima miglior difesa).

Il consiglio per il Perugia è quello di attaccare i Leoni del Garda soprattutto sugli esterni qualora Caserta dovesse affidarsi al 4-3-3 con il tridente composto da Elia, Murano e Minesso.

PROBABILE FORMAZIONE

Feralpisalò: (4-3-3) De Lucia; Bergonzi, Rizzo, Giani, Vitturini; Gavioli, Carraro, Guidetti; Ceccarelli, Miracoli, D’Orazio (Tulli?). All.: Pavanel

Nicolò Brillo