L’ex Monaco: “Iemmello? Si ferma con grinta e collaborazione”

461
L'ex Monaco:
foto: Andrea Rosito

L’ex Monaco: “Iemmello? Si ferma con grinta e collaborazione”. Il centrale campano parla a tre giorni dalla sfida tra Cosenza e Perugia

Parola al grande ex della sfida di lunedì sera tra Perugia e Cosenza. Ci riferiamo al centrale dei calabresi Salvatore Monaco, in forza al Grifo dal gennaio 2016 fino alla scorsa stagione dove è stato però relegato ai margini della rosa. In mezzo anche sei mesi di prestito alla Salernitana.

“Il Perugia è una delle squadre più in forma del torneo – afferma Monaco – Oltre a Iemmello, che ha fatto tanti gol, annovera tra l’altro il capitano Rosi che è un lusso per la categoria. Come si affronta un attaccante come Iemmello? Con la grinta, la fame e l’aiuto dei compagni.

A Perugia ho giocato quattro anni, ho tanti ricordi anche molto belli. Nelle prime due stagioni siamo arrivati ai playoff. Purtroppo ho trascorso lo scorso anno fuori rosa, questo è un po’ un buco nero della mia carriera. Ma sicuramente mi è servito per crescere sia dal punto di vista umano che professionale.

Ho passato un anno bruttissimo, avevo poche persone vicino, lo sono stati i miei compagni di squadra del Perugia. Togliere il pallone ad un calciatore è come togliere il giocattolo ad un bambino.

Poi ho avuto la chiamata del direttore Trinchera, lui e mister Braglia mi hanno cercato fortemente. Avevo ricevuto chiamate da squadre forti di Serie C ma anche di B. Io ero un calciatore del Perugia, le due società si sono parlate e hanno trovato l’accordo”.

Nicolò Brillo