Europei di volley 2023: nuovo sopralluogo al Palabarton

365
Proseguono secondo il cronoprogramma gli interventi di miglioramento

Proseguono secondo il cronoprogramma gli interventi di miglioramento

 

Si è svolto nella giornata di ieri, mercoledì 19 aprile, un sopralluogo presso il PalaBarton di Perugia per verificare lo stato dei lavori di ampliamento e miglioramento della struttura in vista degli Europei di volley 2023. Perugia, infatti, sarà sede di alcune gare della competizione maschile: nello specifico ospiterà le gare della pool A Estonia-Italia (31 agosto) e Serbia-Italia del 1 settembre.

Presenti al sopralluogo di ieri l’assessore allo sport Clara Pastorelli, i tecnici comunali con il dirigente Paolo Felici e Giacomo Capone, i rappresentanti della CEV (confederazione europea volley), il direttore generale delle squadre nazionali della Fipav, il responsabile di Fipav Servizi ed il presidente del comitato umbro della Fipav Giuseppe Lomurno.

La delegazione ha preso atto che i lavori, sia quelli relativi all’ampliamento dell’impianto che quelli concernenti il nuovo sistema di climatizzazione, sono in corso di svolgimento e stanno rispettando il cronoprogramma.

Non è emerso alcun elemento di criticità: pertanto è stato confermato che Perugia ospiterà le due gare dell’Italia della pool A degli Europei maschili.

“I lavori proseguono secondo le previsioni – spiega l’assessore Clara Pastorelli – Si tratta di opere che ci consentiranno di restituire alla città un impianto di livello internazionale, con maggiore capienza, più moderno, sicuro e confortevole, pronto ad ospitare le gare del campionato europeo maschile della nostra Italia. Siamo estremamente soddisfatti, dunque, dell’esito di questo secondo sopralluogo effettuato dai rappresentanti della CEV e della Fipav con i quali l’interlocuzione è costante e la collaborazione continua. Questa degli Europei è un’occasione imperdibile per la nostra città che avrà una grande visibilità a livello mondiale confermandosi tra le principali realtà nel volley sia a livello nazionale che internazionale. Vorrei da ultimo ringraziare la Regione dell’Umbria per l’importante contributo che ha destinato al palaBarton”.