L’Umbria riferimento per la cardiologia dello sport grazie a ‘Cardiogrocco 2021’

392
 

A Deruta si è tenuto sabato 4 dicembre il congresso nazionale organizzato dai cardiologi Lucia Filippucci ed Antonio Russo, volto a confrontarsi sulla metodica del test da sforzo cardiorespiratorio. In collegamento da Philadelphia il Prof. Antonio Giordano

 

L’Umbria al centro dell’interesse nazionale ed internazionale in tema di cardiologia dello sport. Sabato 4 dicembre, nella splendida cornice della Tenuta di Montenero a Deruta, si è svolto il congresso nazionale “Cardiogrocco 2021”, organizzato dai cardiologi Lucia Filippucci ed Antonio Russo del servizio di Cardiologia Riabilitativa della Usl Umbria 1. Al centro del dibattito, il ‘test da sforzo cardiorespiratorio’, una metodica unica per le informazioni che può fornire in campo cardiologico, pneumologico e medico sportivo ma che purtroppo è inspiegabilmente sottoutilizzata.

Una giornata impreziosita dalla presenza, in collegamento da Philadelphia, del Prof. Antonio Giordano, direttore dello Sbarro Institute di Philadelphia e da anni collaboratore del Napoli e di altre società calcistiche, che ha tenuto una lettura magistrale.

“Cardiogrocco 2021 fa parte di una serie di convegni – dichiarano la Dr.ssa Filippucci e il collega Russo – che ci siamo prefissati di organizzare a cadenza annuale per cercare di tenere alto il livello di aggiornamento in tema di cardiologia dello sport di tutti noi operatori del settore. Quest’anno ci siamo concentrati su questa metodica diagnostica nelle cui potenzialità crediamo tanto e che ci è di grande ausilio nel nostro lavoro quotidiano di cardiologi dello sport e di cardiologi riabilitatori. Ci teniamo a ringraziare tutti i colleghi e i professionisti intervenuti, su tutto il Prof. Antonio Giordano. Un grazie sentito per la presenza al Presidente del Coni Umbria, Domenico Ignozza e alla Vice Presidente dell’Assemblea Legislativa Paola Fioroni, che non è potuta intervenire ma ci ha inviato i suoi saluti e il suo contributo di opinione attraverso una lettera”.

Hanno partecipato all’evento, oltre a relatori dell’Università di Perugia, dell’Università di Siena e del Centro Cardiologico Monzino anche i medici sociali della SSC Napoli Raffaele Canonico e Gennaro De Luca.