Preliminari play-off solo una “foglia di fico”, il Cosenza non muore mai

888

Reggina e Venezia, rispettivamente settima e ottava della stagione regolare, subito a casa. I silani vincono di misura e hanno due risultati su tre a Brescia

Il punto su playoff e playout (a cura di Dan.Te.)

 

Mentre il Perugia si lecca le ferite della meritata retrocessione,  rese ancor più dolorose dall’apertura dell’inchiesta sul terzo gol di Perugia-Benevento, si sono disputati i due preliminari e la gara di andata dei playout. Ancora una volta si è dimostrato come serva a poco o niente centrare il preliminare da settimi o, ancor peggio da ottavi.

Ne sa qualcosa il Perugia “santopadriano” che, arrivato per tre volte all’ottavo posto, la seconda volta grazie alla penalizzazione del Palermo che trasformò il nono posto ottenuto sul campo in ottavo, è stato sempre subito eliminato, anche quando, nel 2015, lo disputò da sesto.

Ennesima prova, quindi, di come il preliminare da settimi ed ottavi rappresenti soltanto la solita, illusoria “foglia di fico” su stagioni che, se i playoff si disputassero come nei primi anni solo tra le quatto squadre arrivate tra il terzo e il sesto posto, senza inutili allargamenti, sarebbero da considerare ampiamente deludenti.

Preliminari

Nel primo preliminare il Sudtirol ha battuto uno a zero al “Druso” la Reggina grazie alla rete di Casiraghi, con fondamentale deviazione di Loiacono, a due minuti dalla fine. Il solito roccioso difensivista Sudtirol bisoliano che ha subito la Reggina per tutta la gara resistendo anche grazie alle parate del proprio portiere Poluzzi, uno dei migliori della B, per colpire inesorabilmente nel finale. Bolzanini nei playoff dove affronteranno in semifinale il Bari in un doppio confronto, con  andata al “Druso” domani e ritorno al “San Nicola” venerdì 2 Giugno. Nel caso di parità di risultati e di differenza reti al termine dei due incontri, non si disputeranno né i supplementari, né, tantomeno, i rigori e andrà in finale il Bari per la migliore classifica nella “regular season”.

Nel secondo preliminare il Cagliari ha battuto due a uno il Venezia all’”Unipol Domus”. Grande inizio del Cagliari che, con una doppietta del capocannoniere della B, Lapadula (che ha ampiamente vinto il duello personale con il vicecapocannoniere Pohjanpalo, rimasto all’asciutto), si portava ben presto sul due a zero. Il Venezia reagiva bene nella ripresa accorciando subito le distanze con Pierini, mettendo poi alla frusta i rossoblù che, comunque, riuscivano a portare in porto con merito la qualificazione alla semifinale contro il Parma, con andata martedì in Sardegna e ritorno al “Tardini” sabato 3 Giugno. Anche qui, in caso di completa parità al termine dei centottanta minuti del doppio confronto, sarà il Parma, meglio classificato in campionato, ad accedere in finale.

Playout

Il Cosenza, grazie al gol di Nasti a metà ripresa, supera uno a zero il Brescia nella gara di andata del playout, disputato giovedì scorso al “Marulla”. I silani hanno ora a disposizione due risultati su tre per poter raggiungere la salvezza nella difficile gara di ritorno, in programma giovedì 1 Giugno al “Rigamonti”. Nel caso il Brescia, invece, dovesse vincere con almeno due gol di scarto sarebbero le rondinelle a salvarsi mentre un successo di misura della squadra di mister Gastaldello rinvierebbe tutto ai supplementari e agli eventuali rigori.

Danilo Tedeschini