Santopadre: “Il Perugia è in vendita … dal 2017”

531
Il presidente del Perugia:
 

Torna a parlare Massimiliano Santopadre e lo fa attraverso un comunicato stampa, l’ennesimo diffuso dalla società in questi giorni. Il Presidente risponde al duro attaccato dei gruppi organizzati della Curva Nord e apre ufficialmente alla cessione della società.

Prendo atto di quanto in questi 11 giorni mi è stato detto e comunicato in tutti i modi e da svariate direzioni. Non ultimo questa mattina l’ennesimo comunicato proveniente dagli ultras Perugia che mi intimano di andare via e che addirittura tutti mi devono “far terra bruciata intorno” come se fossi l’ultimo dei delinquenti; vorrei ricordare a tal proposito che sono retrocesso e non sono una persona che ha fatto fallire il club. Nello sport purtroppo si vince e si perde.

Come sempre mi assumo la totale responsabilità di quanto accade sul campo ma come è giusto che sia devo anche ricordare che in altre annate ho vinto campionati e raggiunto spesso playoff per la Serie A. Questo non lo dico per crearmi un alibi ma perché è scritto nella storia dei miei 12 campionati. Vorrei aggiungere che nemmeno a chi ha fatto disastri economici o ha fatto fallire il club sono state rivolte parole tanto dure come quelle usate nei miei confronti non solo dai tifosi ma anche e soprattutto da chi, quando vincevo, mi chiedeva il posto vicino in tribuna per farsi fotografare.

Detto ciò comunico che il club è in vendita ma non da oggi bensì dal lontano 2017, nessuna offerta concreta è stata mai ricevuta, solo chiacchiere fatte soprattutto da intermediari che al telefono mi proponevano cifre a cui non sono mai seguite mail o comunicazioni ufficiali.

Consapevole che ormai mi devo fare da parte per il bene di tutti ora vi chiedo cosa dovrei fare nel frattempo: bisogna iscrivere la società e ci sono 2 milioni di euro da versare per pagare stipendi e contributi del periodo marzo/aprile/maggio di tesserati e dipendenti. Devo fare un aumento di capitale per apportare le risorse economiche necessarie all’adempimento. Il tempo delle chiacchiere è finito, ormai il 20 giugno è prossimo.

Nell’attesa e nella speranza che il club venga attenzionato da qualcuno vi prego di rispettare lo “stracciarolo” che in ogni caso con la vendita dei propri stracci ha mantenuto per 12 anni la società in categorie importanti e consone al bacino di utenza della città investendo con risorse proprie più di 5 milioni di euro su strutture di proprietà comunale per dare lustro e importanza al club, cosa che nessuno mai aveva fatto prima.

Sono stato e sono un uomo di sport, ho vinto e ho perso.. so accettare le sconfitte, forse altri no!

Ricordo quanto è stato fatto sotto la mia gestione:

12 campionati;

3 campionati vinti arrivando al primo posto (non tramite play off);

1 play off di Lega Pro arrivando secondo in campionato;

2 Supercoppe di Lega Pro;

8 Campionati di Serie B con 5 play off per la serie A;

1 decimo posto;

1 retrocessione ai play out ai calci di rigore dopo aver ottenuto 45 punti in campionato;

1 retrocessione con 39 punti da terzultimo;

6 giocatori convocati nelle nazionali maggiori di cui 3 italiani (Politano, Mancini, Spinazzola) a cui vanno aggiunti decine di giocatori che oggi militano in Serie A;

Con queste mie parole non vorrei inasprire ancor di più gli animi ma quantomeno sperare che qualcuno rifletta un po’ di più.’.