Trofeo delle Province di atletica: 16 atleti premiati alla Sala dei Notari

356
L’Assessore Pastorelli: “Orgogliosi dei vostri risultati e del vostro impegno. Grazie alle società per il lavoro e alle famiglie per il supporto”
 

L’Assessore Pastorelli: “Orgogliosi dei vostri risultati e del vostro impegno. Grazie alle società per il lavoro e alle famiglie per il supporto”

 

Perugia, l’Umbria, in vetrina nell’atletica dei giovani grazie al lavoro costante e professionale di numerose società che operano nel territorio.

Un movimento che sta diventando sempre più grande in termini di adesioni, anche contando sul supporto di alcune amministrazioni comunali, su tutte Perugia con il rinnovato Santa Giuliana, che hanno investito sulle strutture per garantire un futuro alla disciplina.

Non è sicuramente frutto del caso, quindi, se Perugia ha di recente ottenuto il terzo posto al Trofeo delle Province, riservato alla categoria ragazzi/e nati 2008/2009.

Un risultato straordinario se si tiene conto che la provincia di Perugia è stata preceduta solo da realtà ben più grandi quali Roma Sud e Milano, lasciandosi alle spalle territori altrettanti importanti come Torino, Firenze e Bologna.

Podio raggiunto grazie al contributo di 16 atleti, appartenenti a 8 società della provincia, che il Comune di Perugia su iniziativa dell’Assessorato allo sport e in collaborazione con la Fidal Umbria, ha deciso di premiare in una suggestiva cerimonia che si è tenuta alla Sala dei Notari nel pomeriggio di martedì 7 dicembre.

“È giusto e doveroso – ha dichiarato l’Assessore allo Sport, Clara Pastorelli, rivolgendosi ai giovani atleti presenti – dedicarvi questo momento, in un contesto così prestigioso, perché lo meritate per i successi che avete ottenuto e per l’impegno profuso. Siamo orgogliosi di quanto avete fatto, portando la provincia di Perugia così in alto da misurarsi con città e territori ben più importanti per popolazione e movimento. L’Amministrazione comunale crede fortemente nello sport e punta molto sull’atletica dei giovani, tanto da aver riservato numerose risorse per riqualificare un impianto storico come il Santa Giuliana, oggi vero riferimento a livello nazionale per la disciplina. Un grazie lo rivolgo anche alle società, ai dirigenti, ai tecnici, che quotidianamente svolgono un lavoro straordinario, fatto di grande professionalità. Da mamma non dimentico certo le famiglie, i genitori, indispensabile supporto per lo sport dei figli e prezioso riferimento per tante società”.

Il pomeriggio alla Sala dei Notori è stato abilmente condotto da Alessandro Sorci, delegato provinciale della Fidal, attraverso un puntuale racconto delle gesta dei singoli atleti premiati, con l’ausilio di immagini proiettate all’interno della sala. Alla cerimonia non poteva certo mancare il Presidente della Fidal Umbria, Carlo Moscatelli.

“Questi sono risultati – ha sottolineato il Presidente regionale – che testimoniano il valore delle nostre società e di tanti nostri giovani atleti. Questa disciplina si sta diffondendo in modo esponenziale all’interno del nostro territorio, con gli effetti di quello che io definisco essere uno tsunami. Basti pensare che abbiamo raggiunto oltre 6000 tesserati, appartenenti a ben 54 società. Numeri inimmaginabili, quando qualche hanno fa, io e alcuni amici, abbiamo deciso di prendere in mano il comitato regionale. Compimenti ai ragazzi, ai quali dico di non accontentarsi, perché tutti insieme possiamo puntare a scalare qualche altro gradino”.

GLI ATLETI PREMIATI CON SPILLA DEL COMUNE DI PERUGIA – Massimo Tomba (Uisport Avis Todi), Gabriele Patumi (Libertas Arcs Perugia), Mattia Patiti (Atletica Capanne), Alessandro Casodi (Csain Perugia), Francesca Bacchettoni (Educare con il Movimento Foligno), Elena Catania (Winner Foligno), Emma Tosti (Csain Perugia), Rachele Benda (Libertas Arcs Perugia), Matteo Sorci e Giovanni Carloni (Atletica Capanne), Andrea Cappelletti (Csain Perugia), Eugenio Bellaviti (Atletica Umbertide), Caterina Caligiana (Atletica Capanne), Francesca Scabissi (Winner Foligno), Costanza Belardinelli (Atletica Parkman Città di Castello), Benedetta Baiocco (Libertas Arcs Perugia).

In tutte le prove di qualificazione e nella finale i concorrenti potevano partecipare a due combinazioni di Tetrathlon. Nel Tetrathlon “A” le gare da svolgere sia per i maschi che per le femmine erano 60mt piani, salto in lungo, lancio del peso e 600mt, mentre nel Tetathlon “B” le prove erano 60hs,salto in alto, lancio del Vortex e 600mt. In tutte le regioni si sono tenute due o più prove di qualificazione (in Umbria a Perugia) e poi c’è stata una finale nazionale disputata in ogni regione, ma tutte in data 10 Ottobre ( in Umbria a Orvieto), tanto da stipulare la classifica generale nazionale.

Omaggiate con il gagliardetto del Comune di Perugia anche le società: Atletica Capanne, Libertas Arcs Perugia, Csain Perugia, Atletica Umbertide, Educare con il Movimento Foligno, Winner Foligno, Uisport Avis Todi e Atletica Parkman Città di Castello.