Iannoni miglior Grifone 2024

150
 

Edoardo Iannoni, vincitore della edizione n.22 del Trofeo Miglior Grifone, sarà premiato dal Centro di Coordinamento Perugia Clubs in data venerdì 24 maggio alle ore 18.00 presso la sede di Stile Gioiello in via Cortonese a Perugia, che in maniera impeccabile come sempre – sponsor da molti anni della manifestazione – ha messo a disposizione un diamante da consegnare al centrocampista romano.

Una edizione esaltante per il Trofeo, con differenti protagonisti che si sono alternati in maniera avvincente durante il percorso della stagione nel ruolo di leader temporaneo della classifica generale e fronteggiarsi apertamente per la vittoria finale.

Bartolomei era partito con il piede giusto ad inizio torneo, con ottime prestazioni gratificate anche dal voto dei tifosi, per attestarsi a 87 punti, V^ in graduatoria finale, complice anche un infortunio ed il poco spazio nel team iniziale della gara.

Avvicendato dapprima da Kouan, seppur per un breve periodo, che chiude a 123 punti, terzo, dietro Seghetti a 142, a lungo timoniere della selezione, in sostanza fino alla regular season, per essere poi superato al fotofinish da Iannoni con 146 punti grazie alla doppia superiore prestazione nei play off.

Classe 2001, inscrive il proprio sigillo su un Albo che ha visto la prima edizione del Trofeo proprio nell’anno di nascita del calciatore romano.

Un evento, quello del Miglior Grifone, con avanti, da allora ad oggi, tutte le categorie, ivi comprese quelle del calcio non professionistico, rimanendo sempre fedele a se stesso, migliorando i dettagli di volta in volta, come il meccanismo di votazione, l’assegnazione di n. 3 premi speciali ed il numero di giocatori in nomination.

Tanti protagonisti, vecchi e nuovi, che hanno onorato la casacca biancorossa vincendo il Trofeo, in ordine cronologico, per citarne qualcuno, Tedesco, Miccoli, Di Carmine, Verre, Vicario, sorte professionistica che il Centro Coordinamento e Stile Gioiello augurano anche a Iannoni, innanzitutto un bravo ragazzo al quale poi si aggiungono le indubbie qualità tecnico/tattiche, messe a disposizione quest’anno della nostra squadra, risultando con merito il migliore.