Cus Perugia Karate doppio podio a Parma

122
 

Grande prova del Cus Perugia Karate che conquista un doppio successo di squadra nella giornata inaugurale della Coppa Nazionale Csen 2024 di Fidenza che ha ospitato, nella due giorni di gara, circa duecento club con duemila atleti

Sotto la guida dei tecnici Serena Dragoni e Daniela Bianconi i trenta fighters perugini, hanno ottenuto, tra le cinture marrone ner,e successi in ogni categoria conquistando il secondo posto a squadre nel kumite e la terza piazza nella classifica generale.

Parla Serena Dragoni: “Una gran bella giornata, siamo davvero contenti per i risultati ottenuti, un momento di crescita per i nostri ragazzi impegnati su più fronti in questo inizio di stagione di Olimpiadi che ha portato a concentrare tutte le gare in questi primi mesi. Non ci fermiamo oggi e già abbiamo nel mirino i prossimi campionati regionali ed italiani ed a maggio ci aspettano i Campionati Nazionali Universitari di Campobasso prima di qualche trasferta internazionale.”

Conclude Daniela Bianconi “E’ stato difficile riuscire a preparare i diversi impegni agonisti districandosi tra gare federali, open che assegnano punti del ranking ed appuntamenti di contorno ma i risultati ottenuti sono confortanti. Riuscire a salire due volte sul podio come è Club è stato un bel riconoscimento per i ragazzi che da mesi lavorano duramente sulle tappetine anche per i chi oggi, pur ben figurando, ha sfiorato la medaglia per un soffio.” I risultati salienti:

Oro per Eva Magrini Esordienti, Aurora Galletti e Manuel Fiorucci Juniores e Matteo Cianchetti nei Senior.

Argento per Mattia Marsili nei Cadetti e Giovanni Adinolfi tra i Senior

Bronzo per Diego Cecconi e Alessio Menichetti nei Cadetti, Augusto Trivella nei Senior

Quinto piazzamento per Pietro Diarov, Simone Morganti, Leone Bissoli ed Edoardo Ragani

Hanno portato punti preziosi al Club anche i piazzamenti di Cristian Braccini, Matteo Carlini, Cristian Chiarella, Tommaso Dini, Michele Gennaioli, Beatrice Lazzari, Leonardo Longo, Sara Murino, Teresa Riommi, Meghi Fejzullah.