Le ragazze della Bartoccini testimonial del “Nastro Rosa”

102
Le ragazze della Bartoccini testimonial del

Le ragazze della Bartoccini testimonial del “Nastro Rosa”. Angeloni e compagne ospiti presso Palazzo Murena per l’evento di sensibilizzazione alla lotta al tumore al seno

Nella cornice della Aula Dessau di Palazzo Murena le atlete della Bartoccini Fortinfissi Perugia sono state testimonial della campagna “Nastro Rosa”.

Le ragazze hanno testimoniato con la loro presenza l’importanza di una diagnosi precoce per risolvere positivamente i casi di tumore al seno.

Come ha sottolineato il Prof. Antonio Rulli presidente per la Regione Umbria di LILT, Lega Italiana per la Lotta ai Tumori.

“La strada per abbattere la mortalità in questi casi è quella della diagnosi precoce, poiché ogni anno muoiono di tumore al seno circa 5.000 donne, quindi abbiamo l’obbligo di aumentare lo screening abbassando l’età delle donne che dovranno sottoporsi ad una semplice mammografia”.

Come preannunciato presenti alla conferenza anche Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Perugia, Maurizio Oliviero, la Presidente della Giunta Regionale dell’Umbria Donatella Tesei che pur di essere presente all’evento ha interrotto la seduta della Giunta Regionale pur di essere presente ed il Commissario Straordinario dell’Azienda Ospedaliera di Perugia Antonio Onnis.

Dopo la conferenza il Magnifico Rettore Maurizio Oliviero ha invitato la squadra in una delle sale più rappresentative di Palazzo Murena, ovvero l’antica biblioteca che risale al 1850, dove Veronica Angeloni, capitano delle “Magliette Nere”, ha così commentato la presentazione.

“Essere scelte come testimonial per una campagna mirata alla sensibilizzazione verso la prevenzione dei tumori al seno ci rende orgogliose, è un’esperienza importante e molto toccante, la speranza è quella di far prendere coscienza alle nostre fan e tifose quanto sia importante fare test diagnostici come la mammografia. La prevenzione ha un ruolo fondamentale in questi casi, tutte le donne devono stare attente a questa tematica ed evitare di considerarla come di secondo piano. Invito tutte a fare più controlli possibili perché fortunatamente al giorno d’oggi è facile”.