Stop Grifo: il Bari si impone al Curi 3-1

223

Stop Grifo: il Bari si impone al Curi 3-1. I Grifoni giocano e costruiscono, il Bari sigla un tris. Gran gol di Di Carmine per il momentaneo pareggio

Il Perugia fa la partita ed ha le migliori occasioni, il Bari si accende a sprazzi e sfrutta tutte le incertezze della difesa perugina. Nel mezzo il momentaneo pareggio di Di Carmine con un gran gol. Doppietta per Galano, migliore in campo. Il Perugia torna così nella parte destra della classifica.

CRONACA

Giornata fredda e piovosa al “Renato Curi” che sicuramente non favorisce la tecnica delle due squadre né un buon afflusso di pubblico. Breda conferma il 4-4-2 inserendo Buonaiuto e Terrani sulle fasce e relegando alla panchina Brighi e Bandinelli. Dossena ancora preferito a Volta con Cerri-Di Carmine tandem d’attacco. Grosso schiera i suoi con un 4-3-3. Il tridente è composto da Improta, Nenè e Galano.

Il Bari inizia subito col piede sull’acceleratore senza però produrre particolari pericoli. Il Perugia risponde con una buona iniziativa di Buonaiuto non sfruttata al meglio da Colombatto al 7’ minuto.

Al 9’ minuto rete annullata al Perugia: Cerri allarga per Di Carmine, tacco per Buonaiuto che mette dentro per Bianco che a porta pressoché sguarnita ha messo la sfera in rete. Di Paolo vanifica il tutto per off-side di Di Carmine. Il Grifo ora ha però preso in mano le redini del match.

Al quarto d’ora il Bari si fa vedere con Iocolano da fuori area: Rosati non ha problemi a bloccare.

Un minuto più tardi Micai salva il Bari. Pajac ci prova dalla distanza, palla deviata che arriva sui piedi di Buonaiuto che libero di tirare si fa respingere la botta al volo dal portiere pugliese. Grande occasione per gli uomini di Breda.

Al 20esimo arriva però il vantaggio dei galletti da corner: Galano appoggia facilmente in rete dopo il colpo di testa di Marrone. Ora il Perugia deve rincorrere.

Al 33esimo torna il Di Carmine show. Lancio di Colombatto per il numero 10 che aggancia, si gira in area e lascia partire un tiro che fulmina Micai. Pareggio meritatissimo dei Grifoni. 1-1 in un match ampiamente godibile con due squadre che si affrontano a viso aperto.

Poco dopo, da distanza considerevole, ci prova Pajac su punizione e va vicino al ribalTutti gli articolitone. Micai si distende e salva la sua porta.

Al 39esimo Tonucci entra duro su Cerri. Ammonito. La seguente punizione si conclude con un nulla di fatto per gli uomini di Breda.

Due minuti più tardi Bari di nuovo avanti. Iocolano fa partire un cross preciso ma non certo veloce. Del Prete e Dossena non intervengono e per Nenè è troppo facile mettere dentro. Galletti ancora in vantaggio.

Dopo un minuto di recupero termina la prima frazione. Bari avanti 2-1 grazie a due distrazioni difensive dei Grifoni che comunque hanno creato più pericoli.

Il Grifo riparte nel secondo tempo ataccando a testa bassa alla ricerca del secondo pareggio.

Buonaiuto raccoglie l’invito da Terrani e calcia sopra la traversa della porta barese. Terrani qualche minuto più tardi si fa metà campo palla al piede e spara però alto dal limite dell’area.

Al 55esimo splendido scambio sulla sinistra tra Pajac e Buonaiuto. Il numero 11 va al tiro da posizione defilata e l’estremo difensore pugliese blocca la sfera. Altra buona occasione per il Perugia.

Al 63esimo Di Carmine si invola a tu per tu con Micai e mette fuori disturbato dal ritorno di un difensore barese.

Han entra al posto di Terrani, mentre per il Bari Busellato rileva Iocolano.

Al 70esimo si chiude il sipario sul match. Galano crossa in area, la conclusione prende una traiettoria velenosa che beffa Rosati sul secondo palo. Il numero 11 barese firma così la doppietta personale. Il portiere del Grifo non certo impeccabile nell’occasione.

Buonaiuto fallisce subito l’occasione per accorciare: l’esterno salta Micai si decentra e trova solo l’esterno della rete.

Breda tenta il tutto per tutto: dentro Mustacchio per Bianco.

All’81esimo entra Bandinelli per Buonaiuto, mentre Grosso risponde con Kozak per il  migliore in campo Galano.

Il Grifo prova a riaprire il match con iniziative volenterose ma confusionarie senza riuscire nell’intento. Triplice fischio. Il Bari passa 3-1.

PERUGIA – BARI 1-3 (1-2)

PERUGIA (4-4-2): Rosati; Del Prete, Dossena, Monaco, Pajac; Terrani (19′ st Han), Bianco (29′ st Mustacchio), Colombatto, Buonaiuto (35′ st Bandinelli); Cerri, Di Carmine. A disp.: Nocchi, Santopadre, Casale, Belmonte, Volta, Coccolo, Brighi, Frick. All.: Breda

BARI (4-3-3): Micai; Sabelli, Tonucci, Marrone, D’Elia; Iocolano (20′ st Busellato), Basha, Tello; Improta, Nenè, Galano (36′ st Kozak). A disp.: De Lucia, Conti, Capradossi, Cassani, Fiammozzi, Petriccione, Diakhitè, Salzano, Brienza, Floro Flores. All.: Grosso

RETI: 20’ Galano (B), 39′ pt Di Carmine (P), 41′ pt Nenè (B), 26′ st Galano (B)

ARBITRO: Aleandro Di Paolo di Avezzano (Robilotta – Imperiale)

NOTE: Ammoniti: 39’ pt Tonucci (B), 13′ st Nenè (B)  Angoli: 4-2  Recupero: 1’ pt – 3′ st

Nicolò Brillo