La Sir torna a scuola

    151
    Giannelli e Russo ospiti dell'Istituto Tecnico Economico Tecnologico

    Giannelli e Russo ospiti dell’Istituto Tecnico Economico Tecnologico “Aldo Capitini”

     

    Altro appuntamento per la Sir Susa Vim Perugia con il progetto “La Sir a Scuola” promosso dalla società bianconera con il patrocinio della Regione Umbria, della Provincia di Perugia e del Comune di Perugia ed in collaborazione con l’Ufficio Regionale Scolastico in particolare nella figura del Prof. Lorenzo Bertinelli. Un progetto che vede i Block Devils in giro per gli istituti scolastici del comprensorio.

    Mercoledì mattina Simone Giannelli e Roberto Russo, accompagnati dallo staff bianconero, hanno fatto tappa a Perugia ospiti dell’Istituto Tecnico Economico Tecnologico “Aldo Capitini”.

    Ad accogliere i due campioni bianconeri il Dirigente Scolastico Silvio Improta e i professori dell’indirizzo tecnico-sportivo.

    Dopo un breve incontro in Presidenza, i due atleti si sono trasferiti nel “Centro Congressi Capitini” della Provincia di Perugia dove erano presenti gli studenti, circa 200, sia dell’indirizzo tecnico-sportivo che di tutto il polo economico e tecnologico per una mattinata che si è rivelata davvero piacevole.

    I due campioni del mondo si sono concessi alle domande ed alle curiosità degli alunni, raccontando il percorso che li ha portati a diventare professionisti nello sport fino a rivelare qualche aneddoto della loro carriera.

    “Come Itet-Capitini abbiamo sempre cercato di usare lo sport come strumento formativo – spiega il Coordinatore Dipartimento di Scienze Motorie dell’Istituto Prof. Paolo Ambrosi – Siamo sempre attenti a creare programmi personalizzati PFP per gli studenti-atleti. Questa di oggi è stata una grande opportunità oltre che un grande onore ospitare due grandi campioni come Russo e Giannelli in occasione del progetto ‘La Sir a Scuola’. L’incontro è stata l’occasione per toccare con mano le esperienze di chi è riuscito a fare dello sport una professione e sono convinto che sia arrivato un messaggio positivo ai giovani presenti.”