La Sir cade ancora: Verona espugna il Palabarton (2-3)

163
Una Sir discontinua capitola al tie-break. Colaci:

Una Perugia discontinua capitola al tie-break. Colaci: “Potevamo fare di più, soprattutto in battuta”

 

Una partita “tosta” con una squadra arrivata a Perugia per vincere. Verona, appunto, vince per 2 a 3 al Palabarton mostrando di essere in crescita, capace di impensierire ogni società. Seconda sconfitta consecutiva, per la squadra di Gino Sirci, che dopo aver alzato la Coppa Italia, fatica a tornare con la testa sul campionato.

CRONACA

Wilfredo Leon in campo fin dall’inizio con Ben Tara opposto, si parte con Verona che spinge sulla battuta con Mozic (4-5). Si arriva al 6 pari con un muro di Leon. Verona tiene bene la partita e si porta avanti nel punteggio per 8 a 9 con un muro su Ben Tara. Sbaglia Giannelli di seconda, poi Verona conquista il punto dell’8 a 11. Tanti errori in battuta per entrambe le squadre non danno di certo ritmo al gioco. Alla Sir serve riconquistare tranquillità e non giocare in ordine sparso (13 a 15). Verona costruisce bene con il palleggiatore Spirito, ben piazzato nel distribuire palloni, arrivando così sul 17 a 20. Veloce di Zingel per il 19 a 22. Verona arriva al 20 a 24.  Quattro set point, chiude Dzavoronok (20-25).

Parte bene la squadra di Sirci nel secondo parziale (9 a 7). La Rana Verona va sull’11 pari nonostante due azioni importanti in difesa di Perugia. 18 a 16 nella fase centrale del set che diventa 19 a 16 con la veloce di Flavio. Schiaccia sull’acceleratore la Sir e Stoytchev chiede il time out sul 21 a 18. Si arriva al 24 con il punto di Flavio. Chiude con un ace Giannelli (25-21).

3 a 10 per Verona, coriacea e convinta che straccia i perugini a muro. 4 a 13 e sembra di giocare in un’altra serie. Finalmente Leon mette a segno il punto del 7 a 15 ma ancora c’è tanto da recuperare. Ci prova la Sir con Colaci che recupera un pallonetto dietro al muro, portando a casa il punto del 9 a 15.  Recuperare il divario non è  facile e Verona non molla l’osso, 12 a 22. Al 14 a 24 ci arriva Verona, pasticcia Perugia con il nastro, la palla rimane nel campo umbro. (14 a 25).

7 a 5 con Lorenzetti che perde le staffe e urla “muovetevi”. E niente ,la Sir Susa Vim Perugia fatica a portare a casa ogni punto. Verona ci crede. 12 pari. Sul 15 a 14 Lorenzetti chiede time out: serve un moto d’orgoglio per conquistare il tie-break. Finalmente 3 punti di fila in attacco portano la Sir sul 19 a 14. 24 a 17, la Sir vola verso il quinto set grazie alle difese di Colaci e al punto di Leon. Chiude sempre lui con un ace (25-17).

2 a 4 con il time out di Lorenzetti, in casa la Sir sente la pressione di chi non può  perdere ancora punti per strada. 5 a 7, la stanchezza si fa sentire in entrambe le squadre e faticano a chiudere punti diretti. 6 a 7.  Sbaglia la battuta Giannelli, cambio di campo sul 6 a 8.  In veloce arriva il punto del 7 a 9 di Grozdanov. 9 pari con  l’ace di Ropret. In attacco Verona è incontenibile e guadagna il 9 a 11 con Keita. Time out Verona. I giallo blu portano a casa 2 punti consecutivi (10 a 13). Mozic tira forte in battuta e Zingel a muro porta il 10 a 14. Ace di Leon, 12 a 14. Spara fuori Verona, 13 a 14. Chiudono i giallo blu con Mozic, inarrestabile (13-15).

INTERVISTE

Massimo Colaci, libero della Sir Susa Vim Perugia:

“Se abbiamo perso è perché Verona ha fatto meglio in diverse situazioni, sia in fase di cambio palla che in fase break. Ed anche in battuta l’impressione a caldo è che potevamo fare di più”.

SIR SUSA VIM PERUGIA – RANA VERONA 2-3

Set: 20-25, 25-21, 14-25, 25-17, 13-15

SIR SUSA VIM PERUGIA: Giannelli 7, Ben Tara 13, Russo 7, Flavio 7, Semeniuk 17, Leon 19, Colaci (libero), Held, Herrera 1, Solè, Ropret 1. N.e.: Toscani (libero), Plotnytskyi, Candellaro. All. Lorenzetti, vice all. Giaccardi.

RANA VERONA: Spirito 3, Amin 11, Grozdanov 12, Zingel 8, Mozic 20, Dzavoronok 16, D’Amico (libero), Keita 7, Sani, Jovovic. N.e.: Mosca, Bonisoli (libero), Zanotti, Cortesia. All. Stoytchev, vice all. Simoni.

Arbitri: Massimo Florian – Maurizio Canessa

PERUGIA: 17 b.s., 6 ace, 46% ric. pos., 22% ric. prf., 49% att., 8 muri
VERONA: 19 b.s., 6 ace, 54% ric. pos., 34% ric. prf., 58% att., 11 muri

Donatella Binaglia