Il palasport di Todi ha ospitato l’11esimo trofeo Opes Gym 2024, festa della coreografia, patrocinata dal Comune

183
 

La presenza di centinaia di persone ha fatto da cornice a una festa dello sport che Opes Umbria ha riproposto a Todi dopo qualche anno che si è svolta in altri comuni umbri. Dodici associazioni partecipanti provenienti da tutta l’Umbria e una da Rieti, Eos Ritmica Rieti. Le altre società sportive sono: Solodanza Tr, Masmar Angel di Massa Martana, Dance Studio Florida’s Tr, , Danziamo Giove Tr., Olympia W.F. Center di Todi, Village Dance Pantalla, Saimon Dance Trevi, Gymnastic Orvieto, Movit Pg, Arte Danza Bastia Umbra, Latin Project Orvieto.

Oltre 280 atleti e danzatori si sono esibiti nelle varie categorie (Assolo-Due-Gruppi) per tutto il pomeriggio in una full immersion intensiva con musiche e coreografie studiate e preparate nel tempo, ognuna nella propria disciplina e stile.

Giudici d’eccezione, Gioia Malentacchi giudice internazionale di Ginnastica, Roberto Calderini insegnante, danzatore e coreografo TV, Edoardo Mangoni atleta danzatore di livello internazionale.
L’edizione 2024 vedeva per la prima volta la creazione del trofeo Memoria Mauro Desantis, grande amico di Opes Umbria, già presidente della Federazione Danza Sportiva comitato umbro, recentemente scomparso, ricordato durante l’evento con una sua coreografia interpretata proprio dalla sua scuola la Florida’s di Terni.

L’edizione del trofeo Opes Gym quale miglior coreografia assoluta quest’anno è stato assegnato all’Asd Olimpia WF Center di Moira e Morena Ciucci.

Le premiazioni si sono svolte al termine del lungo pomeriggio dopo decine di esibizioni, alla presenza del vicesindaco di Todi Claudio Ranchicchio e dell’assessore allo sport Alessia Marta. Un ringraziamento sentito è stato esteso dal C.N. Opes Italia professore Fabrizio Quaglietti a tutti i partecipanti per impegno e capacità dimostrate, nonché all’amministrazione comunale e a tutto lo staff che ha lavorato incessantemente per tutta la settimana alla miglior riuscita della manifestazione. Commovente infine il ricordo che è stato fatto proprio da Fabrizio Quaglietti di Mauro Desantis,”un uomo solare, legato non solo al mondo della Danza Sportiva ma allo sport in generale inteso come mezzo educativo e formativo per i giovani.