Ancora Modena, niente da fare per Perugia

293

Ancora Modena, niente da fare per Perugia. La Sir Safety soccombe ancora una volta alla formazione del bulgaro Stoytchev

Manca l’appuntamento importante la Sir Safety Conad Perugia che per l’ennesima volta si fa infilare dalla Azimut Modena. L’inizio di gara è promettente, c’è grinta e voglia di fare bene, ma non è sufficiente a trovare quel guizzo vincente che consentirebbe di sopravanzare Modena. Sono sempre gli ospiti a trovarlo e portare a termine con successo i primi due set. Nel terzo ed ultimo parziale Perugia sembra stanca, a nulla vale il cambio di Russell con Berger o l’ingresso di Shaw per De Cecco, nè tantomeno l’incitamento del pubblico di casa. Ancora una volta gli emiliani prevalgono, niente da fare per Perugia.

Le formazioni.

Bruno in diagonale con Sabbi, Ngapeth e Urnaut in posto quattro, centrali Holt e Mazzone, libero Rossini. Questo il 6+1 scelto dal bulgaro Stoytchev. Perugia in campo con le coppie De Cecco-Atanasijevic, Russell-Zaytsev, Podrascanin-Anzani, libero Colaci.

La cronaca.

Due errori in attacco di Perugia incidono sull’1-4 iniziale, le ottime difese su entrambi i lati della rete garantiscono spettacolo in campo. Il distacco rimane invariato (6-10) e Bernardi chiama tempo. Holt trova il primo ace della gara (6-11), Modena sembra controllare (12-16), ma Anzani con due muri e Zaytsev in pipe recuperano (16-16). Esplode il PalaEvangelisti sul primo ace Perugia firmato Atanasijevic (17-16), ma la rimonta è frutto del muro diventato invalicabile. Un po’ di confusione sui cambi in casa Perugia costa una sanzione disciplinare ed il conseguente punto (20-22). Prima palla set per gli ospiti (22-24) sfruttata prontamente.

Muro e attacco, concetti banali nella pallavolo quanto efficaci se messi in pratica ed è 4-1. Peccato che Modena in poco tempo trovi le contromisure e rimetta tutto a posto (6-6). Parità che prosegue (15-15) e porta alla fase calda del parziale, li dove ogni punto può essere il break decisivo (19-19). E’ Modena a trovarlo (20-22) ed avvicinarsi alla meta grazie a due errori al servizio dei perugini (22-24). Ngapeth chiude alla seconda palla set.

Deve risalire la china la Sir Safety in questo terso parziale e la partenza ricalca quella del set precedente (3-1). Berger subentra ad uno stanco Russell (3-3) e Bernardi deve intervenire sul 4-7 per fermare i troppi errori dei suoi. Urnaut chiude il punto del 4-9 e perugini un’altra volta costretti al time-out. Due errori in attacco degli emiliani ed un muro dei locali più incisivo costringono Stoytchev ad interrompere il gioco (9-11). Trenta secondi salutari per gli ospiti che ristabiliscono le distanze (10-14). Un ace fortunoso (tocco del nastro) di Ngapeth porta i suoi in dirittura d’arrivo (14-18), la fine arriva per mano dello schiacciatore francese ed i circa duecento tifosi ospiti tornano festosi a casa.

I tabellini.

Sir Safety Conad Perugia – Azimut Modena: 0-3 (22-25 23-25 21-25)

Perugia: Atanasijevic 20, Podrascanin 2, Zaytsev 6, Anzani 8, Russell 3, De Cecco 2, Colaci(L1), Della Lunga1, Berger 4, Cesarini, Shaw. N.E.: Ricci, Andric. All.: Lorenzo Bernardi e Carmine Fontana

Modena: Ngapeth E. 12, Sabbi 11, Urnaut 13, Mazzone 8, Holt 3, Bruno, Rossini(l1), Bossi, Argenta. N.E.: Tosi (L), Van Garderen, Ngapeth S., Pinali, Penchev. All.: Radostin Stoytchev e Dario Simoni.

Arbitri: Andrea Puecher (PD) e Daniele Rapisarda (UD)

Sir Safety (b.s. 20,v. 2, muri 10, errori 8)
Diatec (b.s. 11, v. 3, muri 8, errori 9)

Angelo Pagano