Lecce squadra più in forma del campionato

60
Lecce squadra più in forma del campionato. I pugliesi, come il Grifo, nelle ultime cinque uscite hanno ottenuto 4 vittorie ed una sola sconfitta. Liverani recupera Pettinari, La Mantia in forse

Lecce squadra più in forma del campionato. I pugliesi, come il Grifo, nelle ultime cinque uscite hanno ottenuto 4 vittorie ed una sola sconfitta. Liverani recupera Pettinari, La Mantia in forse

Il Grifo alla prova del nove. Sabato pomeriggio, gli uomini di Alessandro Nesta faranno visita al Lecce, concludendo, così, il ciclo delle sfide “terribili” (Crotone, Benevento, Pescara).

Come già successo per le altre sfide appena citate, anche quella del prossimo 8 dicembre sarà una gara molto indicativa e che potrà dirci molto sul futuro del Perugia, anche se ancora siamo solo alla 15ma giornata.

Una sconfitta non costituirebbe un dramma, ma rinvierebbe ancora il salto di qualità – maturità. Un risultato positivo, invece, aprirebbe a  Melchiorri e compagni uno scenario davvero interessante.

Tuttavia, ci sarà da combattere fino all’ultimo, con i biancorossi che dovranno sfoderare una prova di grande carattere per uscire indenni dal “Via del Mare”. Ci sarà, infatti, da sfidare l’attuale seconda della classe e vera rivelazione di questo avvio di stagione (da ricordare che sono una delle neopromosse).

I salentini stanno compiendo un cammino entusiasmante conquistando 7 vittorie, 4 pareggi e 3 sconfitte per un totale di 25 punti (ad una sola lunghezza dalla capolista Palermo, ma con una partita in più).

Inoltre, il Grifo giocherà in uno stadio caldo e che, sin qui, solo il Palermo è riuscito ad espugnare: nelle altre 5 partite casalinghe, il Lecce ha ottenuto 3 vittorie e 2 pareggi.

Significativo anche il dato delle reti fatte e subite. Se, da un lato, la retroguardia giallorossa non è poi così impenetrabile (18 reti subite), dall’altro, l’attacco sta facendo sfracelli: 25 reti realizzate e miglior attacco del campionato insieme a quello del Brescia.

Curioso come, nella sfida di sabato, si affronteranno le due squadre più in forma del campionato: sia Perugia che Lecce, nelle ultime 5 gare, hanno ottenuto 4 vittorie e una sconfitta.

L’ORGANICO

In estate, la dirigenza salentina, dopo aver conquistato la promozione in serie B dopo 6 anni di assenza, ha deciso di non essere una comparsa. Di conseguenza, il mercato è stato di tutto rispetto, che non ha stravolto il gruppo della passata stagione e con alcuni innesti di spessore.

La prima conferma è in panchina: alla guida dei pugliesi ci sarà ancora l’ex Grifone Fabio Liverani.

Passando all’organico, invece, tra i pali c’è stato un avvicendamento con l’ex Frosinone Vigorito che ha preso il posto di Perucchini. Come secondo, la scelta è ricaduta sul giovane Bleve.

In difesa, il vero colpo di mercato. Dal Benevento è stato acquistato Fabio Lucioni, centrale ed ex capitano dei campani, tornato a giocare dopo la squalifica di un anno per doping e che potrà garantire grande esperienza alla retroguardia salentina. Insieme a lui, è arrivato anche Meccariello (in prestito dal Brescia).

Le fasce, invece, sono state rinforzate con gli innesti di Calderoni, Venuti e Fiamozzi. Completano il reparto Cosenza, Marino e Di Matteo.

La mediana è praticamente la stessa della passata stagione: Arrigoni, Mancosu, Armellino, Tabanelli, Tsonev e Capitan Lepore. Due i rinforzi e sono Petriccione e Scavone.

L’attacco, invece, è stato completamente rivoluzionato. Nessuna conferma, con Di Piazza, Caturano e Costa Ferreira che hanno lasciato la Puglia. In entrata, registriamo l’arrivo di Torromino, Haye, Palombi, La Mantia, Pettinari e l’ex grifone Falco.

MODULO TATTICO

Liverani predilige il 4-3-1-2.

PROBABILE FORMAZIONE

Alcuni buone e alcune cattive notizie per mister Liverani. Dopo circa 20 giorni di stop, torna convocabile Pettinari, anche se difficilmente partirà dal primo minuto.

Per un attaccante che viene recuperato, uno si ferma: La Mantia ha accusato un problema al flessore e la sua presenza è in dubbio. Per il resto, tutti arruolabili.

In porta, ci sarà Vigorito. Davanti a lui, dovrebbe essere confermata la coppia Lucioni – Meccariello, mentre ai lati a destra è ballottaggio tra Venuti e Fiamozzi (il primo appare in vantaggio), a sinistra largo a Calderoni.

Pochi dubbi anche in mezzo al campo: il trittico dovrebbe essere Petriccione, Scavone e Armellino, ma attenzione anche a Tabanelli.

In attacco, tutto dipende da chi sarà recuperato. Tuttavia, essendo difficile vedere dal primo minuto La Mantia e Pettinari, l’ipotesi più plausibile sembra essere Mancosu dietro al tandem Falco – Palombi. Possibili comunque le sorprese Torromino e Dubickas.

Lecce (4-3-1-2): Vigorito; Venuti (Fiamozzi), Lucioni, Meccariello, Calderoni; Petriccione, Scavone, Armellino (Tabanelli); Mancosu; Falco, Palombi (Pettinari, La Mantia).

Michele Mencaroni