Pallavolo Perugia: con l’Egs Galeno non è arrivata la promozione, ma si può sorridere

    255
    Pallavolo Perugia: con la Galeno non è arrivata la promozione, ma si può sorridere. Le biancorosse hanno raggiunto comunque un traguardo insperato. Coach Capitini: “La C non è lontana, brave a tutte”

    Pallavolo Perugia: con l’Egs Galeno non è arrivata la promozione, ma si può sorridere. Le biancorosse hanno raggiunto comunque un traguardo insperato. Coach Capitini: “La C non è lontana, brave a tutte”

    A distanza di qualche giorno dalla sconfitta in finale play-off di serie D contro Bar Scalo Narni e smaltite le scorie della mancata promozione in C, si può dire, a mente lucida, che la Egs Galeno Pallavolo Perugia può comunque sorridere.

    L’obiettivo di inizio stagione non era di certo quello di centrare la vittoria degli spareggi promozione, piuttosto quello di puntare sulla crescita di un gruppo particolarmente giovane e di raggiungere una tranquilla salvezza.

    Le atlete perugine, con qualche ritocco nel roster, hanno invece inanellato un percorso in progressione che le ha viste migliorare di gara in gara sotto il profilo del carattere e del gioco, affinando così meccanismi e crescendo in tutti i fondamentali. Dalla lotta per non ritrovarsi immischiate nei play-out, le ragazze della Egs Galeno sono riuscite ad elevarsi e a raggiungere la sesta piazza.

    Memorabile la cavalcata fino alla finale contro Narni, battendo in semifinale la formazione “gemella” della Centova Pallavolo Perugia. E pazienza se alla fine non è arrivato in salto in C.

    La consapevolezza da parte degli addetti ai lavori di aver plasmato una squadra promettente per l‘immediato futuro ed ottima anche sotto il profilo umano, è davvero alta. Le biancorosse hanno affrontato formazioni molto più esperte e dall’età media senza dubbio più alta, ma hanno altresì dimostrato di potersela giocare alla pari senza alcun timore.

    Ed il tutto può essere sintetizzato dalle parole del tecnico Roberto Capitini:

    “Sono orgoglioso e fiero della crescita delle mie ragazze. Solo un mese fa lottavamo per non finire ai play out ed alla fine abbiamo sfiorato l’impresa con un gruppo fantastico che ha fatto enormi sacrifici, ha riso nelle vittorie, ha pianto per alcune sconfitte brucianti ma formative e che soprattutto non ha mai smesso di crederci e di sognare. Un gruppo giovane che l’anno scorso ha conquistato la promozione nella categoria e che con qualche piccolo ritocco dell’organico quest’anno ha sfiorato il doppio salto. Sono sereno, perché ho visto si i loro occhi pieni di lacrime ma dietro a quelle lacrime, ragazze forti che hanno nuovi sogni e che sanno che la serie C per loro non è lontana è solo una questione di tempo ed il prossimo anno ci riproveremo più convinti che mai. Colgo l’occasione per dire un sentito e sincero grazie alle ragazze, a David Pecetti mio secondo e vera rivelazione della stagione ed in ultimo alla società tutta, che ha permesso a tutti noi di vivere questa stagione da ricordare.”

    Nicolò Brillo