Il Perugia ritrova il rigore e un buon punto

1054

Il Perugia dopo l’ottima prestazione di Avellino (0-5) non ha disputato un primo tempo entusiasmante come del resto lo stesso Cittadella, che ha comunque trovato la rete del vantaggio grazie al gol di Litteri. Un secondo invece che ha visto un Perugia sicuramente più combattivo rispetto al primo, “aiutato” dal direttore di gara che ha concesso al Grifo un calcio di rigore che mancava da 57 gare di campionato: l’ultimo era stato concesso nel 4-0 del Perugia sul Brescia il 23 novembre del 2015. Un punto d’oro per i ragazzi di Bucchi che, nonostante tutto, muovono di 1 punto la classifica.

CRONACA – Per l’occasione il tecnico del Perugia Cristian Bucchi schiera un 3-5-1-1 con il classe ’94 Terrani alle spalle di Samuel Di Carmine e con Mattia Mustacchio dirottato sull’esterno del centrocampo. Subito pericoloso il Cittadella con una punizione dal limite dell’area di rigore: ma Brignoli è attento sulla conclusione di Bartolomei. Al 9’ è il Perugia a rendersi pericoloso con Terrani che non riesce a servire in maniera precisa il compagno di squadra Mustacchio. Il 14° è il minuto del vantaggio del Cittadella: Litteri ribadisce in rete la palla servitagli da Chiaretti per l’1-0. Replica dei padroni di casa al 26’ che vanno vicinissimi al 2-0 con un’abile azione di contropiede ma questa volta Chiaretti non è preciso e spedisce la sfera oltre la traversa. Al 31’ Bucchi è costretto a richiamare in panchina Jacopo Dezi e al suo posto entra Gennaro Acampora. Al 36’ il Perugia si fa, per la prima volta, pericoloso nell’area di rigore del Cittadella: ottimo cross al centro di Mustacchio per Samuel Di Carmine che aggira l’estremo difensore granata ma è un difensore avversario a mettersi tra il numero 10 biancorosso e la rete dell’1-1. Al 40’ è ancora il Perugia a rendersi protagonista: ancora Mustacchio serve Di Carmine che colpisce prontamente di testa ma la palla esce a lato della porta difesa da Alfonso. Dopo 2’ di recupero l’arbitro manda tutti al riposo sul risultato di 1-0.
Alla ripresa delle ostilità, dopo 57 giornate di campionato, il direttore di gara della sezione di Rimini concede rigore per il Perugia: Terrani, affrontato da Pelagatti in area di rigore, viene atterrato malamente dal difensore avversario che viene ammonito. Dal dischetto è Samuel Di Carmine che porta in parità la gara al 6’ della ripresa. Al 17’ ci prova il Cittadella con Bartolomei, ma l’estremo difensore biancorosso Alberto Brignoli si oppone con un intervento ai limiti del “miracolo”. Al 26’ è Valzania del Cittadella a provare la conclusione da posizione defilata, ma il tiro termina abbondantemente a lato. Un minuto più tardi Alberto Brignoli sale in cattedra commettendo un grandissimo intervento sul tiro insidioso a Kouamé. Lo stesso Kouamé ci riprova 60’’ più tardi dalla distanza: questa volta Brignoli sarebbe battuto se il tiro non fosse uscito seppur di poco. Al 42’ è il nuovo entrato del Cittadella Arrighini a rendersi pericoloso: l’attaccante granata entra palla al piede in area di rigore e tenta la conclusione da posizione ravvicinata, ma Brignoli si supera nuovamente e tiene a galla il Perugia. dopo 4’ di recupero il direttore di gara decreta la fine dell’incontro sul risultato di 1-1.

CITTADELLA – PERUGIA (1-0) 1-1

CITTADELLA (4-4-2): Alfonso; Salvi, Benedetti, Varnier, Pelagatti; Iori, Valzania, Bartolomei, Vido (19’ st Kouamé); Chiaretti (29’ st Iunco), Litteri (40’ st Arrighini). A disp.: Paleari, Scaglia, Pedrelli, Pasa, Schenetti, Pascali. All.: Venturato

PERUGIA (3-5-2): Brignoli; Monaco, Volta, Di Chiara; Fazzi, Gnahoré, Dezi (31’ pt Acampora), Brighi, Mustacchio (29’ st Nicastro); Terrani (15’ st Guberti), Di Carmine. A disp.: Elezaj, Dossena, Belmonte, Guberti, Ricci, Forte. All.: Bucchi

MARCATORI: 14’ pt Litteri; 6’ st Di Carmine

ARBITRO: Rapuano di Rimini (Rossi – Intagliata)

NOTE: Spettatori: 5.000 circa. Ammoniti: Alfonso, Varnier, Pelagatti, Iori, Litteri (C); Acampora, Brignoli, Di Carmine (P). Angoli: 6-2. Recupero: 2’ pt; 4’ st

Andrea Profidia